Loris Capirossi: “Dare sempre del lei ad una moto”

da , il

    Capirossi

    Siamo a Misano durante la tappa del Granpremio di San Marino 2013 e grazie a Bridgestone, fornitore ufficiale unico di gomme per la MotoGP, Moto2 e Moto 3, ho il piacere di incontrare e conoscere personalmenteLoris Capirossi.

    Di Loris Capirossi pilota so tutto avendolo seguito fin dai suoi esordi, d’altronde entrambi emiliani, quasi coetanei (10 giorni di differenza) e appassionati entrambi di Trial. La persona che incontro nel motorhome di Bridgestone è un altro Loris, un ex-pilota che si muove e collabora sulla sicurezza con Dorna e Bridgestone non disdegnando anche un futuro prossimo come commentatore. Vediamo chi è questo nuovo Loris

    Dopo aver vinto 29 Granpremi e 3 titoli mondiali qual’è di preciso il tuo nuovo ruolo nell’ambiente?

    Faccio parte della direzione gara, seguiamo tutte le prove e controlliamo tutto quello che succede… sono il referente piloti-Dorna. Con Bridgestone ho iniziato a correre nel 2005 all’inizio della loro carriera… ora sono per loro il referente piloti e lavoro con loro dallo scorso anno su tutto quello che è sviluppo e sicurezza. Bridgestone va incontro a quello che chiedono i piloti senza dimenticare la sicurezza.”

    Voto da 1 a 10 al livello di sicurezza in MotoGP in questo momento?

    “Dire 10 è dire troppo ma siamo tranquillamente a 9. Il pilota chiede sempre performance e rendimento e noi chiediamo gomme facili da guidare e non pericolose… in questo momento Bridgestone ha gomme sicure, facili da guidare e con alto rendimento

    La sicurezza in SBK e in MotoGP

    “SBK da quest’anno è parte della nostra famiglia (Dorna) e in un secondo non si mette in ordine tutto, stiamo lavoronado per cercare di portare la SBK sullo stesso piano della MotoGP introducendo circuiti più sicuri o che rispondono meglio ai nostri parametri… in un paio di anni saranno equivalenti. La Safety Commission nata nel 2003 dopo l’incidente di Kato a Suzuka (della quale io e Valentino siamo stati i promotori e non abbiamo mai mancato un appuntamento) in SBK non c’è e ora con lo stesso proprietario vogliamo fare le cose uguali”

    Abbiamo concluso chiedendo qualche consiglio sulla sicurezza fuori dalle piste per noi comuni motociclisti

    “Chiunque può fare quello che facciamo noi ma in pista e non per strada… ho corso per 22 anni campionati del mondo… ma per strada vado piano. Tanti utilizzano la moto per muoversi in mezzo al traffico in città e tanti per fare i giri nel weekend fuori porta, la moto è un mezzo che va sempre controllato mai abbandonato e lasciato fermo per troppo tempo; prima cosa da tenere monitorato è la pressione e lo stato delle gomme e come dico sempre a tutti dare alla moto sempre del lei… mai sentirsi padrone della moto altrimenti ti butta per terra

    Loris Capirossi detiene il record di essere il più giovane pilota ad aver conquistato un titolo mondiale (esordiente a 17 anni si laurea campione della classe 125)