Losail by Night. Nel buio della notte, due luci: Stoner e Lorenzo

Losail by Night

da , il

    jorge lorenzo

    In attesa della gara… i due under 23 provano, senza troppo timore rverenziale per nessuno, a mettere una seria ipoteca sui 25 punti in palio nel buio della notte di Losail.

    Primo venerdì di gara, prime due draft di classifica, primi due posti conquistati e tenuti stretti stretti: Jorge Lorenzo e Casey Stoner si sono trovati e sono in pochissimi dubitare che si lasceranno.

    Nonostante i test invernali in cui la Yamaha gommata Michelin non sembrava essere all’altezza del pilota australiano, per prestazioni tecniche e forse per inesperienza dello spagnolo nella classe regina, la giornata di ieri ha invece dimostrato quanto i due piccoli campioncini possano essere vicini, soprattutto in pista.

    Casey Stoner

    Finalmente è arrivata la prima gara, è bello tornare in azione e vedere a che punto siamo tutti veramente. Non vedevo l’ora che arrivasse questo momento perché, ad essere onesti, ero un po’ stufo di test. La partenza è stata positiva, il feeling con la moto buono fin da subito, però non posso dire di essere contento a tutto tondo per ragioni che penso siano da attribuire soprattutto alle condizioni della pista. Oggi il grip non era eccezionale e questo è probabilmente il motivo delle cadute che ci sono state, guarda caso non troppo distanziate l’una dall’altra. Evidentemente hanno risentito tutti di questo problema. Domani lavoreremo per migliorare un po’ la messa a punto della ciclistica per trovare un bilanciamento ancora migliore ma in generale sono abbastanza soddisfatto di questo primo giorno“.

    Jorge Lorenzo

    Stasera sono contento perché abbiamo iniziato esattamente da dove abbiamo concluso il test di settimana scorsa e le cose vanno di nuovo bene. Sinceramente, però, non mi aspettavo di fare il secondo tempo nella mia prima giornata di gara in MotoGP! Il circuito è più sporco del solito perché il vento ha portato molta sabbia in pista. Penso che domani, una volta che le moto avranno pulito l’asfalto, le condizioni saranno migliori e saremo in grado di essere più veloci. Sono completamente a mio agio con l’illuminazione e non sto nemmeno più pensando al fatto che stiamo gareggiando di notte: tutto sembra assolutamente normale! Mi manca ancora un po’ di feeling con l’anteriore della mia M1 e mi serve un po’ più di grip, ma le cose stanno indubbiamente migliorando. Abbiamo provato degli pneumatici diversi e sembra che le gomme Michelin qui funzionino bene. Complessivamente mi sento bene e sono molto soddisfatto dei miei tempi. A prescindere dalla posizione raggiunta stasera, non sto affatto pensando al risultato: voglio solamente concentrarmi e fare del mio meglio“.

    Valentino, intanto, medita la zampata finale…