Mansell vince il primo GP Masters

da , il

    Nigel Mansell Gp Masters

    Nigel Mansell vince la prima gara della serie GP Masters a Kyalami in Sud Africa, serie riservata alle vecchie glorie della Formula 1.

    In seconda posizione un grandissimo Emerson Fittipaldi, che a quasi 60 anni, è rimasto per tutta la gara a pochi decimi dal leone inglese, tentando più volte il sorpasso in un duello che non ha avuto nulla da invidiare a quello tra Alonso e Schumacher a Imola 2005.

    Se consideriamo poi che le formula 1 su cui ha corso Fittipaldi erano molto diverse dalle monoposto Gp Masters, la sua prestazione è ancora più impressionante. Non a caso è stato due volte campione del mondo, nel ’72 con la Lotus e nel ’74 con la McLaren. Il suo addio alle corse risale a ben 25 anni fa.

    A seguire i due italiani Riccardo Patrese, per parecchi giri molto vicino ai primi due, e Andrea de Cesaris che nell’ultima parte della gara ha dato vita ad alcuni sorpassi spettacolari ai danni di Warwick e Danner.

    Nel ruolo di Takuma Sato della situazione, Jaques Laffitte, autore di un contatto e svariate fermate ai box. Forse l’unico pilota fuori forma. Altre note di rilievo, il ritiro di Johansson nei primi giri per un testa coda, e il forfait di Alan Jones per un problema fisico al collo.

    La serie GP Masters è una competizione divertente, anche se non al livello della GP2, con caratteristiche di tutto rispetto. Le vetture a ruote scoperte, tutte identiche, sono prodotte dall’inglese Delta Motorsport, con motori Nicholson McLaren Cosworth da 3,5 litri e circa 650 cavalli, e regolazioni minime possibili per ogni pilota.

    In Italia la serie GP Masters viene trasmessa dal canale satellitare Nuvolari, oppure è visibile in streaming su internet dal sito ufficiale del campionato (www.gpmasters.com), a costo di 4,99 sterline per la diretta e 2,99 sterline per la differita.

    L’ordine di arrivo:

    1. Mansell in 50’55″154
    2. Fittipaldi a 0″408
    3. Patrese a 20″662
    4. De Cesaris a 21″700
    5. Warwick a 21″853
    6. Stuck a 23″201
    7. Danner a 24″118
    8. Cheever a 32″205
    9. Lammers a 32″778
    10. Salazar a 43″419
    11. Tambay a 1’11″584
    12. Arnoux a 1’12″736

    La griglia di partenza:

    1. Mansell 1.33.428
    2. Fittipaldi 1.33.998
    3. Patrese 1.34.048
    4. Lammers 1.34.82
    5. De Cesaris 1.34.086
    6. Warwick 1.34.087
    7. Danner 1.34.132
    8. Cheever 1.34.602
    9. Stuck 1.34.755
    10. Johansson 1.34.841
    11. Arnoux 1.35.453
    12. Salazaar 1.36.852
    13. Tambay 1.36.948
    13. Laffitte 1.36.958