Marco Simoncelli, a sei anni dalla morte: il nostro ricordo [FOTO e VIDEO]

A sei anni dalla morte di Marco Simoncelli, il SIC è tutt'altro che dimenticato. Ricordiamo con affetto le gesta del campione.

da , il

    Marco Simoncelli MotoGP Legend

    Oggi, come ogni anno, ci sentiamo di ricordare Marco Simoncelli nel giorno dell’anniversario della sua morte. Questo articolo non può e non vuole essere come gli altri. C’è sempre dell’apporto personale nella scrittura di un pezzo, ma in questo caso mi sento di andare un po’ “oltre”. Potrete non essere d’accordo con noi, saremo felice di leggere i vostri commenti, ma qui cerchiamo di creare quella che è un po’ la memoria collettiva per quanto riguarda Sic.

    Perché noi la fortuna di averlo conosciuto non l’abbiamo avuta. Oggi, 23 Ottobre 2017, a sei anni dalla sua scomparsa, noi lo ricordiamo cosi, come lo ricordano tutti.

    Marco Simoncelli, la vita

    Marco nasce a Coriano il 20 gennaio dell’87. Ma questo lo sanno ormai tutti. Come tutti sanno dei suoi trascorsi nelle minimoto, della sua difficile 125cc, del mondiale 250cc, di Kate, del team Gresini. Magari si sà un po’ di meno dei litigi con la squadra Aprilia ufficiale il primo anno, del Rally di Monza, dei tanti braccetti delle macchine che ha spaccato. Nessuno però che lo conoscesse ha mai detto “non ho nulla da dire su di lui”. Era impossibile, se stavi a contatto con lui qualche “cavolata” la potevi raccontare, perché lui ti ci trascinava nei casini che creava. E si divertiva.

    marco simoncelli 1

    Di tutto l’incidente e delle sue conseguenze, è proprio Paolo Simoncelli la persona che ha sofferto di più e che merita il rispetto maggiore. Al funerale di Marco era lui a consolare gli altri, magari perfetti sconosciuti, magari visti solo di sfuggita. Quando invece era lui che andava consolato, che aveva perso un figlio. Ma Paolo comprende che Marco, nei suoi modi di fare e nella sua sincerità, ha creato un legame con tutti coloro che lo seguivano, con i compaesani, con i tifosi e con i motociclisti. Perché non esiste un motociclista che, se gli viene chiesto chi era Marco, non ti risponda “Marco? Era un fratello“. Che è diverso da dire “era un pilota”.

    Marco Simoncelli, anniversario della sua morte

    marco simoncelli 2

    Il Gran Premio di Sepang ci sarà settimana prossima, e Marco si è dimostrato ancora più presente nel cuore di tutti, ancora di più rispetto a quando correva e dava spallate ai vari Barberà, Bautista e Pedrosa. Questo perché, passate le dispute che appartengono solo ai vivi, ognuno ha riconosciuto la grande persona che era, e lo ammira per questo anche ora che lui non c’è più.

    Così Marco lascia a tutti quanti noi un’eredità grande, un esempio di come uno sportivo e un motociclista dovrebbe essere. Si era dispiaciuto, quando Pedrosa si era fatto male durante il famoso incidente, ma si era dispiaciuto ancora di più quando Daniel non gli ha voluto stringere la mano alla gara successiva, quando si sono incontrati di nuovo. Il suo rammarico era sincero, come tutto in lui. Adesso sono in tanti dispiaciuti di aver litigato con quel ragazzo, un po’ casinista, un po’ espansivo, un po’ maldestro, ma pur sempre un bravo ragazzo. Speriamo che molti seguano l’esempio tracciato da Marco Sic Simoncelli. Non potrebbero che giovarne.

    marco simoncelli podio viso

    Vogliamo lasciarvi con una frase, una piccola poesia che disse Dario Fo’ qualche tempo fa, un piccolo discorso che calza a pennello per Marco Simoncelli:

    Questo film lo dedichiamo ai folli. Agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane, a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso. Costoro non amano le regole, specie i regolamenti, e non hanno alcun rispetto per lo status quo. Potete citarli, essere in disaccordo con loro; potete glorificarli o denigrarli, ma l’unica cosa che non potrete mai fare è ignorarli, perché riescono a cambiare le cose, perchè fanno progredire l’umanità. E mentre qualcuno potrebbe definirli folli, noi ne vediamo il genio; perché solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo lo cambiano davvero.