Massa, Stewart: “Meglio prendere Di Resta”

da , il

    Paul Di Resta

    Ormai è diventato il passatempo preferito dagli addetti ai lavori. Attaccare Felipe Massa e chiedere la sostituzione sembra sia consentito a chiunque. Se da un lato è innegabile che le prestazioni del brasiliano siano da troppo tempo sottotono, per usare un eufemismo, dall’altro è anche vero che tutte queste critiche non possono certo lasciarlo tranquillo. Gli si chiede di stare almeno al passo di Alonso, e in Bahrain ha dimostrato di riuscire nell’impresa.

    Adesso, con il passo avanti che in Ferrari si attendono per il Gran Premio di Spagna sarà importante per Massa restare incollato alle prestazioni di Alonso, se non vorrà vedersi cadere addosso la solita pioggia di critiche.

    L’ultimo suggerimento a Maranello arriva da Sir Jackie Stewart, che senza troppi fronzoli indica Paul Di Resta (!?!?!) quale possibile sostituto da tenere d’occhio. Il pilota scozzese è stato sì autore di buone prove con la Force India, sin dallo scorso anno; ma da qui a metterlo su una Ferrari il passo sembra un po’ avventato. Stessa storia di quanto accaduto dopo la Malesia con Sergio Perez, improvvisamente diventato campione. Ecco, Massa non sarà un fenomeno, ma nemmeno Di Resta e Perez sembrano avere chissà cosa in più del brasiliano.

    «Di Resta sarebbe un buon obiettivo per la Ferrari, perché Alonso ha l’esperienza e conoscenza necessaria [da trasferirgli]. Alonso è quasi al suo culmine, e avere un giovane pilota come Di Resta (26 anni per Paul; ndr) da mettergli a fianco per farlo “studiare” è qualcosa che valuterei se fossi alla Ferrari», l’analisi di Stewart. Poi ha proseguito, sulle possibilità future di Di Resta per diventare un potenziale campione del mondo: «E’ difficile da sapere. Ha un grandissimo talento, spero che gli scozzesi non gli chiedano troppo e troppo in fretta. Devi stare in un top team per vincere, non puoi farlo in una squadra di secondo piano: in Force India stanno lavorando duramente per diventarlo, ma non lo sono ancora. Paul da parte sua sta guidando la squadra a risultati sempre migliori».

    Sa tanto di “collocamento” di un connazionale questa uscita di Sir Jackie. Perché se proprio si analizza la situazione di un futuro senza Massa, l’opzione realmente percorribile per affiancare un campione ad Alonso è una sola, con la speranza che torni in forma: Robert Kubica. Non da ultimo, va considerato anche il fatto che ben difficilmente la Ferrari licenzierebbe un pilota in corso di stagione: non rientra nello stile della Casa, visto che l’ultima epurazione risale ai tempi del Professore. Ma allora, Alain la sparò grossa definendo la Ferrari “un camion”. Era il 1991.