Mattia Pasini: nel 2010 correrà in MotoGP o in Moto 2?

Mattia Pasini è reduce da una stagione difficile col Team Toth, ma nonostante tutto si sente ancora motivato ad affrontare le ultime tre gare del 2009 e lottare per il terzo posto della classe 250

da , il

    Mattia Pasini è reduce da una stagione difficile col Team Toth, ma nonostante tutto si sente ancora motivato ad affrontare le ultime tre gare del 2009 e lottare per il terzo posto della classe 250. E per il 2010 dovrà decidere se correre nella nuova Moto 2 o passare alla classe regina.

    Il pilota italiano ha rilasciato un’intervista al sito MotoGP.com, dove ha parlato a ruota libera di quella che è stata un’annata da lui stesso definita “molto strana”, caratterizzata da un cambio in corsa (“Aprilia ha deciso di chiudere i rapporti con noi, quindi abbiamo dovuto trovare un’altra soluzione”).

    Un’annata che si è aperta con un ritiro nel GP del Qatar a causa di un contatto e che lo ha visto vincere sotto la pioggia il Gran Premio d’Italia al Mugello (davanti a Marco Simoncelli). Doveva essere la sua consacrazione nella 250, ma le cose non sono andate come previsto.

    La prima parte dell’annata è stata molto strana perché senza testare in inverno le prime due tre gare sono state dure da affrontare e la messa a punto della moto non era perfetta. Non potevo guidare come avrei voluto,” ha dichiarato Pasini, “Al Mugello, comunque, abbiamo trovato il giusto equilibrio. Sono sicuro che se avessimo iniziato la stagione in quel modo avremmo sicuramente lottato per il titolo, mentre ora l’obiettivo realistico è il terzo posto.”

    E per il prossimo anno? Pasini non esclude nulla e confessa di voler correre in MotoGP (ha già fatto dei test sulla Ducati satellite del team Pramac). Ma è convinto che anche la Moto 2 sarà spettacolare, con l’introduzione del motore unico.

    Conclude dicendo che “È difficile fare la scelta giusta, la fortuna fa la sua parte, e ora dobbiamo considerare tutte le opportunità e le possibilità. Dobbiamo fare ciò che è meglio per me, e credo che nelle prossime due tre settimane prenderemo una decisione.