Max Biaggi: “Il Campionato è partito in positivo”

Max Biaggi cmmenta la sua prima gara di Campionato Mondiale SBK 2009 - Nonostante non sia riuscito a raggiungere il primo gradino del podio, il campione romano è soddisfatto della moto e della sua prestazione e pregusta un futuro vittorioso

da , il

    Non è successo quello che tutti i sostenitori del pirata si aspettavano succedesse, ma alla fine dei conti poco importa.

    Quello che importa è che Max Biaggi e la sua Aprilia RSV4 hanno fatto vedere grandi potenzialità di vittoria. Ed è questo quello che conta.

    E’ lo stesso Max Biaggi a proferire parole rassicuranti per il Campionato appena iniziato.

    Abbiamo già parlato delle sensazioni del pilota della casa di Noale. Tante conferme, sia da parte del pilota che da quelle della moto, e tanta fiducia: in pochi si sarebbero aspettati di vedere il binomio Aprilia-Biaggi da subito così combattivo accanto ai grandi mostri della SBK e questo è, per il pilota romano, un indice importantissimo: l’ Aprilia c’è, Max Biaggi, c’è, ora bisogna solo (e non è poco…) lavorare di cesello.

    Iniziamo dicendo che questo campionato è partito per molti sensi positivo. [...] – scrive Max Biaggi sul suo sito personale, e agggiunge – Lasciatemelo dire che emozione portare la mia Aprilia n.3 in prima fila con il secondo tempo!!!!! Gioia vera e sono molto contento per tutti i ragazzi e ingegneri che si fanno in quattro per noi!!! bravi! Le gare sono state difficili per noi,cercheremo di migliorarci nelle prossime. Gara 2 ho provato (d?accordo con il mio capo tecnico) a fare una scelta azzardata di gomme. Non importa se non ci siamo riusciti ma ce l?abbiamo messa tutta e ancora a 3 giri dalla fine eravamo li che lottavamo per il podio. Quando la gomma ha definitivamente mollato del tutto non c?è stato nulla da fare la moto era ingestibile e difficile da controllare e l?errore è stato mio nel provare ad infilarmi nella mischia all ultimo giro provando a strappare il 4 posto.

    Tanta la soddisfazioni del pilota romano che quest’anno, insieme ad una ritrovata Aprilia, prova a riprendersi uno scettro che gli manca da troppo tempo ormai.

    La cosa positiva è che Max necessita di credere nella moto su cui sale in sella e sembra proprio che questo ritrovato accordo con Aprilia sia per lui come una seconda giovinezza.

    Che sia il momento propizio per rincorrere un Titolo che sembra possibile (Ducati e Haga permettendo)?