Max Biaggi in SBK: una seconda giovinezza

A 38 anni Max Biaggi è in piena lotta per vincere il mondiale Superbike 2010: il rider romano del Team Aprilia Alitalia vuole regalarsi un ultimo titolo iridato (sarebbe il primo italiano a vincere il WSBK) e portare al top del campionato delle derivate di serie l'Aprilia

da , il

    Max Biaggi è fiducioso per la prova statunitense del campionato del mondo SBK che si corre in questi giorni sul circuito del Miller Motorsports Park (Salt Lake City).

    A 38 anni il Corsaro è in piena lotta per vincere il mondiale Superbike 2010: il rider romano del Team Aprilia Alitalia vuole regalarsi un ulteriore titolo iridato (sarebbe il primo pilota italiano a vincere il WSBK) e portare al top del campionato delle derivate di serie la casa diNoale, che ha creduto in lui e gli ha permesso di lavorare un’intera stagione sullo sviluppo della RSV4 Factory.

    Lo scorso anno Biaggi ha ottenuto un quarto e un sesto posto nelle due gare di Salt Lake City (vinte entrambe dal pilota di casa, lo statunitense Ben Spies, poi campione mondiale della SBK e attualmente rider MotoGP col team Monster Energy Yamaha Tech3).

    L’italiano ha dichiarato di trovarsi bene sul circuito di Miller e di voler sfruttare il più possibile le caratteristiche della pista: “Due anni fa è stata la prima volta che siamo venuti qui e sono rimasto sorpreso del tracciato. La conformazione della pista e le strutture sono entrambe sugli standard europei. Per quanto concerne la sicurezza, è davvero alta,” ha detto Max, “E’ davvero bello venire qui e correre su questo tipo di pista, rientra davvero bene nel campionato. Non so se ci sono altri circuiti come Miller Motorsports Park negli Stati Uniti. Le altre piste americane non appaiono così sicure e belle, quindi mi piace davvero correre qui.”

    L’obiettivo dichiarato di Biaggi è il titolo iridato Superbike, che sarebbe il quinto nel suo palmares dopo i quattro vinti in 250cc. Il Corsaro italiano dell’Aprilia vuole far fruttare l’esperienza maturata in tanti anni di carriera e non sembra avere nessuna intenzione di ritirarsi: “Il ritiro? Chi lo sa? Può essere uno, due o tre anni. Mi sto solo divertendo un sacco al momento e non mi passa nemmeno per la testa di prendere una pausa dalle moto. Penso che sarà come minimo un po’ di anni ancora. Farò questo finché la mia passione e la mia motivazione non smetteranno. Ma ora come ora sono motivato e penso che continuerò ancora per un po’.”