Max Biaggi incontenibile: parla Haslam

Max Biaggi lo ha detto chiaramente: il suo rivale si chiama Haslam (quarto e secondo domenica a Monza)

da , il

    Se il GP di Assen è stato il momento d’oro per i rider britannici, quello di Monza è stato invece il trionfo “dell’italiano”: Max Biaggi su Aprilia ha dominato in entrambe le gare lasciando solamente le briciole ai suoi avversari.

    Probabilmente Leon Haslam 
(Suzuki Alstare) è ormai l’unico vero rivale di Biaggi nella corsa al titolo iridato: dopo Monza è ancora in testa, seppure di soli tre punti, e la sua moto ha dimostrato di essere affidabile di poter competere fino alla fine con l’Aprilia del Corsaro.

    Max Biaggi lo ha detto chiaramente: il suo rivale si chiama Haslam (quarto e secondo domenica a Monza). Il vantaggio in classifica di Pocket Rocket è stato ridotto a soli tre punti, ma il rider Suzuki sta dimostrando di essere un pilota versatile e sempre incollato al podio o quanto meno alle prime posizioni. Un osso duro.

    A Monza Biaggi è stato inarrestabile, ma già dalla prova sudafricana capiremo meglio il rapporto di forza tra i due.

    A Monza è stata una dura giornata e sono felice di lasciare l’Italia ancora in testa alla classifica,” ha dichiarato Haslam, “Max era forte qui e sapevo che sarebbe stata dura in entrambe le gare. Il podio in gara due è stato un faticoso lavoro… Qui a Monza non c’era nulla da fare contro Biaggi e la sua Aprilia!”

    Ho avuto un momento veramente forte in gara due, sono stato sbalzato dalla sella per due volte nello spazio di una frazione di secondo. In qualche modo sono rimasto sulla moto, ma ci sono andato molto vicino,” ha continuato Pocket Rocket, “Dopo la caduta di Cal, Troy mi seguiva a ruota, e Max era troppo lontano, impossibile riprenderlo così ho preferito la seconda posizione. Mentre stavo cadendo mi sono fatto male al polso e avevo abbastanza dolore ma sono riuscito ad arrivare alla fine.”