Max Biaggi loda la Superbike

Max Biaggi vola in California e approfitta di un evento promozionale per Daniese (l'azienda italiana che da ben 18 anni gli fa da sponsor) per fare l'ennesimo confronto tra Superbike e MotoGP

da , il

    Alla vigilia dell’appuntamento statunitense di Miller Motorsports Park il centauro italiano Max Biaggi loda il campionato mondiale Superbike, sostenendo che è la migliore competizione di motociclismo sportivo in circolazione, più spettacolare perfino della MotoGP.

    Il campione dell’Aprilia è convinto che il punto di forza della SBK è nella competitività dei piloti e delle scuderie: una gara del WSBK non è mai scontata o noiosa, ci sono sempre quattro-cinque rider in lotta per la vittoria.

    Max Biaggi vola in California e approfitta di un evento promozionale per Daniese (l’azienda italiana che da ben 18 anni gli fa da sponsor) per fare l’ennesimo confronto tra Superbike e MotoGP: “Se guardi una gara della World Superbike in comparazione con altre gare è molto più vera, molto più cruda,” ha dichiarato il Corsaro, “E’ davvero uno scontro carena a carena. Non ci sono solo uno o due piloti ma forse cinque o sei in grado di lottare per la vittoria. Ogni week-end le cose cambiano, ed è davvero bello. E’ la natura dello sport e questo tipo di battaglie che lo costruiscono. In MotoGP non si vedono mai lotte del genere, questo è sicuro. Non avrai mai cinque o sei case di livello simile o uguale che lottano per la vittoria. E’ tutto molto più equilibrato in Superbike.

    Max Biaggi (38 anni) corre in SBK dal 2007, anno del suo arrivo nel team Suzuki Alstare, e alla sua seconda stagione con Aprilia è uno dei favoriti per il titolo mondiale 2010.

    Sono molto contento dell’inizio di stagione. Il 2009, primo anno nel progetto Aprilia RSV4, è stato duro,” ha commentato Biaggi, “Poi da metà stagione in poi abbiamo cominciato a migliorare velocemente, arrivando al podio con più frequenza e trovando una buona base per questa stagione. Ho iniziato quindi il 2010 bene, abbiamo già vinto diverse volte e siamo andati a podio, quindi stiamo mostrando i muscoli.