Max Mosley ha scelto: l’erede è Jean Todt

Max Mosley ha comunicato ufficialmente la volontà di non ricandidarsi alla presidenza della Federazione Internazionale dell'Automobile

da , il

    Max Mosley ha scelto: l’erede è Jean Todt

    Ora è ufficiale. Max Mosley annuncia che non si ricandiderà alla presidenza della Federazione Internazionale dell’Automobile e indica il suo successore: Jean Todt. Una scelta che fa discutere e che fa storcere il naso a chi sperava in un cambiamento di rotta. Serio e radicale.

    MAX MOSLEY. “Da quando ho annunciato la mia intenzione di non ricandidarmi, lo scorso 24 giugno, ho ricevuto quasi 100 messaggi dai club membri della Fia che mi hanno chiesto di ripensarci”, esordisce così Max Mosley nella lettera spedita ai membri della FIA per confermare la sua non ricandidatura e nella quale consiglia di votare per Jean Todt come sostituto. Quanto al proprio futuro, l’ex-presidente in procinto di festeggiare i 70 anni sembra intenzionato a rifarsi una vita dopo le varie sciagure che gli sono capitate, dallo scandalo dell’orgia sadomaso alla morte del figlio per overdose:“Alcuni mesi fa ho cominciato a ridisegnare la mia vita familiare pensando al prossimo ottobre.Andare avanti renderebbe molto più complicati i miei impegni privati e sarebbe incompatibile con i miei obblighi familiari, in particolare dopo il nostro recente lutto”.

    JEAN TODT. Secondo Max Mosley, non c’è nessuno più giusto di Jean Todt per ricoprire il suo ruolo:“Credo che sia la persona giusta - scrive il presidente della FIA elencando i tanti successi conseguiti dal francese - Le squadre guidate da lui hanno vinto il Mondiale Rally, hanno vinto raid come la Parigi-Dakar, competizioni come la 24 ore di Le Mans e, negli ultimi 15 anni, un Mondiale di Formula 1 dopo l’altro”. Inoltre, Todt è stato anche AD di una casa di successo assoluto come la Ferrari nonché incaricato FIA nel settore della sicurezza stradale. “Ha quindi l’esperienza per guidare un’organizzazione ampia e complessa, un requisito indispensabile per ogni futuro presidente della Fia” conclude il suo spot elettorale Mad Max.