Max Mosley, il video resta: fallito il tentativo di oscurarlo. Intanto la FIA fissa la riunione al 3/06

Max Mosley, il video resta: fallito il tentativo di oscurarlo

da , il

    Max Mosley, il video resta: fallito il tentativo di oscurarlo. Intanto la FIA fissa la riunione

    Un’altra brutta tegola cade sulla testa di Max Mosley: l’Alta Corte britannica nega la richiesta dei suoi legali di censurare il video dell’orgia che ha ormai fatto più volte il giro del mondo. Intanto la FIA comunica che la data nella quale si terrà la riunione straordinaria per decidere le sorti del Presidente è fissata al 3 giugno.

    Oltre al danno, la beffa. Il Presidente attacca il tabloid per violazione della privacy ma l’Alta Corte gli risponde che ormai quel video è di dominio pubblico e non avrebbe più senso censurarlo. In men che non si dica, quindi, riecco le sue chiappe in prima pagina, accanto a dichiarazioni del tipo “Non ho fatto nulla di male, resto dove sono e chiederò i danni”.

    Qualche progresso, comunque, pare esserci. Mosley sta ammettendo gli incontri con le prostitute (ma come negarlo?) rigettando però ogni accusa di incontri a sfondo anti-semita.

    La riunione della FIA è fissata per il 3 giugno. Nell’occasione, ha reso noto la Federazione, vi sarà una votazione di fiducia a scrutinio segreto. Da qui ad allora, però, non è detto che qualcosa accada. Mosley dichiara di voler restare al suo posto ma i suoi interlocutori continuano a chiudergli le porte in faccia. Dopo la Federazione Austriaca, anche quella neozelandese gli ha chiesto cortesemente di rinunciare a presentarsi ad un incontro su trasporto e ambiente previsto nelle prossime settimane.

    L’uomo è nudo e sempre più solo. I suoi legali, sempre più agguerriti, invece, minacciano un’azione legale per danni illimitati nei confronti del News of the World. L’udienza è prevista per Luglio.