Max Mosley in extremis: budget raddoppiato

Max Mosley fa un'ultima allettante offerta ai team di Formula 1 facenti parte della FOTA

da , il

    Max Mosley Fia f1

    La contesa tra FIA e FOTA per l’iscrizione dei top team al mondiale di Formula 1 2010 sembra arrivata ad un punto di svolta. In extremis, a meno di 24 ore dalla pubblicazione della lista dei partecipanti, Max Mosley fa il tanto atteso passo in avanti e raddoppia il tetto di spesa per l’anno 2010. Ora sono 100.

    BUDGET CAP. Max Mosley ha ceduto. Non ha accettato a pieno le richieste dei team ma ha quantomeno fatto un importante gesto di riappacificazione. Segno evidente che anche lui teme il possibile addio di Ferrari, Renault, McLaren Mercedes e Toyota. Dai 45 che erano, nell’ultimo giorno utile di trattative il presidente della FIA ha portato il tetto di spesa a 100 milioni. Siamo ancora lontani dalle cifre spese in questo 2009 ma il nuovo importo è certamente più in linea con le prospettive delle squadre stesse. L’offerta, insomma è allettante tanto più se si considera che comprende il rinnovo del Patto della Concordia fino al 2014 alle stesse condizioni di quello del 1998 nonché l’accettazione della richiesta della FOTA di un revisore dei conti esterno sia ai team che alla Federazione. Unico scoglio è rappresentato dal calo drastico a 40 milioni del budget per il 2011.

    REAZIONE FOTA. Abbiamo sempre sostenuto che non ci sarebbe stata soluzione alla diatriba fintanto che uno dei due attori in gioco non avesse deciso di lasciare la propria posizione. A Max Mosley va dato atto di aver fatto il suo alzando il limite di spesa ad una cifra definibile certamente più idonea agli attuali budget. La palla, pertanto, passa adesso solo ed esclusivamente nelle mani degli uomini FOTA che sono attualmente in riunione. Seguiranno aggiornamenti.

    Foto: motorsport.com