Max Mosley nella mani del super-esperto

la Federazione internazional dell'automobnile ha ingaggiato un super esperto legale per visionare il filmato di Max Mosley e valutare quanto lo si possa ritenere nazista o meno

da , il

    Max Mosley nella mani del super-esperto

    In attesa del verdetto che il 3 giugno prossimo deciderà le sorti del suo presidente, la FIA ha deciso di mettere nelle mani di un super-esperto il giudizio di valore sul caso Max Mosley. Per rendere l’idea del personaggio, si tratta dello stesso avvocato che ha seguito il processo a Saddam Hussein in veste di difensore.

    Non è ancora chiaro come mai ci sia bisogno di una perizia di questo genere visto che il presidentissimo è stato già scaricato pure dal grande amico e compagno di merende Bernie Ecclestone.

    Fatto sta che Anthony Scrivener, noto legale con un passato di giudice della Corte d’appello della Fia, avrà il compito di analizzare il filmato in cui Mosley è protagonista, al fine di giudicare quanto lo si possa ritenere “nazista”.

    Le conclusioni del lavoro di Scrivener saranno messe a disposizione dei membri dell’Assemblea Generale che dovrà pronunciarsi sul destino del Presidente il quale pare abbia accettato ben volentieri che avvenisse questa supermoviola delle sue gesta.

    In realtà, l’esito sembra già scritto. Per salvare il salvabile verrà ammesso che il comportamento di Mosley è stato frainteso e ingigantito dalla stampa mentre invece si trattava di un qualcosa di molto più “politically correct”. Un fatto privato e basta, insomma. Certo è che se queste balle le dice un super-esperto, fanno tutto un altro effetto…

    Chissà che con questa mossa Mad Max non riesca a tenersi calda la poltrona fino al 2009, quanto basta affinché i tempi siano maturi per l’arrivo di Todt. Il piano di salvataggio, a quel punto, sarebbe riuscito alla perfezione.