McLaren F1: nessun segreto, solo duro lavoro

Dopo la fantastica doppietta messa a segno sul circuito di Shanghai nel quarto appuntamento del Mondiale 2010 di F1, Jenson Button e Lewis Hamilton raccontano come i risultati ottenuti dalla squadra siano il frutto di un durissimo lavoro messo a punto ancora nella stagione 2009, quando il team ha dovuto riprendersi da un inizo disastroso

da , il

    hamilton_button

    Dopo la prima doppietta stagionale, messa a segno sul circuito di Shanghai dal campione in carica Jenson Button e dall’iridato 2008 Lewis Hamilton, i due piloti della McLaren raccontano come il loro successo sia il risultato del grandissimo sforzo messo in atto da tutti gli uomini del team nella prima parte della stagione. Con Button al comando della classifica piloti con 60 punti, e la McLaren leader nei costruttori, il team di Woking ha letteralmente lasciato a bocca asciutta i suoi rivali più temibili, Red Bull e Ferrari, che nonostante l’exploit iniziale, ora faticano a massimizzare il loro potenziale.

    JENSON BUTTON. Ma se il team britannico prima del via era già finito nell’occhio del ciclone per presunte irregolarità nel design della sua nuova MP4-25, Button dichiara che dietro al successo della McLaren non vi è alcuna magia. “Attraverso un lavoro molto duro si arriva a non commettere errori” ha “svelato” il pilota vincitore del titolo nel 2009 dalle pagine del suo sito ufficiale. “Se siamo dove siamo è perché ognuno all’interno della squadra si è impegnato ogni singolo giorno. La prima volta che mi sono messo al volante era febbraio e da allora non ci siamo più fermati. Abbiamo lavorato come dei matti in ogni circostanza, in modo da riuscire a conquistare la prima fila e penso che il nostro primo posto in entrambe le classifiche sia davvero meritato”. Button riconosce che la strada non sia stata comunque tutta in discesa, ma il fatto di aver riconosciuto i problemi e di averli affrontati, è stata un’esperienza preziosa, che ha contribuito a spingere ulteriormente il team. “Ora che potremmo incontrare dei problemi nel riuscire a riportare a casa persone, macchine ed equipaggiamento prima del prossimo appuntamento a Barcellona, non abbiamo nessuna intenzione di rilassarci, e questa situazione per niente favorevole non metterà un freno ai nostri sforzi per essere ancora più competitivi in Europa”.

    LEWIS HAMILTON. A conferma del meraviglioso lavoro messo a punto dalla McLaren ha parlato anche l’altro pilota ufficiale, Lewis Hamilton, che ritiene come i successi raccolti finora siano anche il risultato di una particolare etica del lavoro tipica degli uomini di Woking, acquisita nel corso della stagione 2009, quando il team ha dovuto recuperare dopo un inizio disastroso. “So bene quanto lavoro ci sia dietro a questo risultato” ha dichiarato il driver britannico. “La prima doppietta del 2010 è qualcosa che abbiamo costruito a partire dall’anno scorso. Ogni singola persona qui dentro sta lavorando al meglio e l’atmosfera all’interno del team è davvero fantastica. Siamo assetati di vittoria e sappiamo di potercela fare”. Nonostante Hamilton finora non sia ancora riuscito a salire sul gradino più alto del podio, mentre il suo connazionale ha già messo a segno 2 vittorie su 4, il pilota della McLaren è convinto che insieme lui e Button contribuiranno a portare in alto la squadra. “Jenson è un gran pilota e possiamo imparare l’uno dall’altro. Questo ci ha aiutato a sviluppare la macchina fino a farla arrivare in cima alla griglia. Abbiamo molta esperienza alle nostre spalle, ma entrambi stiamo ancora imparando, e penso che la vettura possa migliorare ancora. So di poter vincere con questa monoposto, e sono sicuro che le vittorie arriveranno”.

    Foto: gpupdate.net