Melandri: “Mi ero quasi convinto di avere una moto ufficiale, e invece…”

Melandri: "Mi ero quasi convinto di avere una moto ufficiale, e invece

da , il

    marco melandri

    Risveglio amaro per Marco Melandri la mattina dopo il Gran Premio del Qatar che ha mostrato uno Stoner temibile e una Ducati tendente alla perfezione.

    Le Honda, invece, ad esclusione di quella di Pedrosa, sono apparse appannate: Hayden nn è riuscito a portare un risultato degno di un campione del mondo in carica e Macho ha strappato con i denti una quinta posizione che non lo soddisfa.

    La delusione di Marco si era sentita già a fine gara quando, intervistato da Paolo Beltramo, il giovane ravennate si era lasciato comprensibilmente sfuggire qualche frecciatina di troppo verso la casa alata. “Ero determinato a non perdere il treno. – ha poi detto Melandri – C’è stata subito tanta battaglia, nei primi giri volevo stare calmo ma non ce l’ ho fatta. Mi passavano nel dritto, ero sempre costretto a frenare tardi. Speravo potevo arrivare fine gara così, ma con il davanti ero alla frutta. Quando si e’ svuotato il serbatoio ed e’ calata anche la gomma dietro, la moto e’ diventata piu’ equilibrata e ho salvato il salvabile”.

    Una concente delusione in Marco che ha iniziato il Mondiale con il piede sbagliato, sottolineando le sue ambizioni epuntando il dito contro una mamma snaturata che cura solo il figlio preferito: “Ho bisogno di vincere e siamo ancora lontani. Volendo, se si lavora con metodo e cognizione, si può far bene, pero’ ci serve che qualcuno ci aiuti, perchè da soli non ce la si fa. Purtroppo non mi aspettavo che la moto clienti nascesse cosi’ in ritardo. Infatti oggi solo Pedrosa e’ andato benissimo. Leggendo i giornali mi ero quasi convinto di avere anch’ io una moto ufficiale, invece…. La nostra moto gira a 16.700 giri al momento, le altre a 19.000. Per noi è fondamentale avere questa potenza, siamo sempre sotto coppia e fatichiamo. Il motore della Honda è molto cattivo e brusco. A Jerez andremo meglio, perchè il rettilineo è più corto”.

    Chi ha orecchieper intender…