Mercato piloti F1 2015 news, Marko: ” Fernando Alonso? va in McLaren” [FOTO]

Quale sarà il futuro di Fernando Alonso? Secondo Helmut Marko, patron della Red Bull, lo spagnolo avrebbe già firmato per la Mclaren

da , il

    Nuovi retroscena sul mercato piloti di F1 2015 e sul futuro di Fernando Alonso. Sono passati pochissimi giorni dalla conferma che Sebastian Vettel sarà il nuovo pilota della Ferrari 2015. Dalle qualifiche di Suzuka, tutti gli appassionati e addetti ai lavori si stanno ponendo la stessa domanda: “Alonso dove correrà la prossima stagione? A svelare la possibile, e molto probabile, metà dello spagnolo ci ha pensato Helmut Marko: “Alonso l’avrei voluto in Red Bull per sostituire il tedesco ma lui è molto vicino alla McLaren e non ci sono possibilità di prenderlo.”

    Le qualità di Alonso sono enormi ma quando abbiamo cominciato a muoverci per provare a portarlo in Red Bull” ha continuato Helmut “secondo le informazioni in nostro possesso, Fernando era già molto vicino alla McLaren e non è stato possibile ingaggiarlo per sostituire Vettel.”

    La Red Bull, che sta lavorando con i giovani piloti ormai da diversi anni, sembrava comunque orientata sul pilota di Oviedo, vecchio pallino di Adrian Newey, per riportare il titolo nella sede di Milton Keynes ma cosi non sarà.

    Intanto il circus si è spostato dal Giappone in Russia, per il nuovo Gran Premio di Sochi. La mente, per tutti gli addetti ai lavori è però restata a Suzuka dove si aspettano notizie confortanti sulle condizioni del pilota della Marussia, Jules Bianchi.

    Il Direttore Sportivo della Ferrari, James Allison, ha provato a spiegare le insidie di un nuovo circuito: “Ogni circuito nuovo costituisce sempre una sfida interessante e ci rendiamo conto di quanta differenza ci sia nel conoscere le piste dove si è già corso negli anni precedenti”ha esordito il DS della Rossa “A livello base possiamo dire di conoscere la pista di Sochi, ne abbiamo studiato il layout e abbiamo avuto la possibilità di approfondirne la conoscenza con le simulazioni computerizzate.

    Per gli esperti e meno esperti della Formula 1, osservando la mappa del circuito cade subito l’occhio sulla stranissima curva di quasi 180° che si trova poco dopo il traguardo: “A prima vista sembra che a livello di regolazioni ci sarà da trovare un compromesso tra ciò che serve per andare forte sui rettilinei e quello che invece è necessario per affrontare le curve lente. Trovare il giusto compromesso per essere veloci in quel punto sarà molto impegnativo.”

    Allison ha poi spiegato i rischi e ciò che si aspetta da un nuovo tracciato: “I piloti di maggior talento sono sempre i primi a capire una pista completamente nuova. Sono curioso di vedere quali saranno i valori delle vetture e quante saranno le incognite.L’effetto novità della pista comunque avrà un peso solamente nella prima e seconda sessione di prove libere”.

    Anche a livello meccanico, ci sono diverse incognite. La Pirelli, non avendo dati dalle passate stagioni, ha deciso di portare i pneumatici Medium e Soft per il nuovo appuntamento russo. Un altro tasto, che potrebbe risultare dolente è il Power Unit delle vetture. Bisognerà capire, il più velocemente possibile due cose: come raccogliere ed impiegare l’energia recuperata sia come gestire il carburante. Tanti interrogativi ma solo la pista darà le risposte esatte.