Mercato piloti F1: Alonso vicino all’annuncio

mecato piloti formula 1 2009

da , il

    Con Alonso molto vicino all’annuncio del suo rinnovo con la Renault e supportati dall’attenta analisi sul mercato piloti uscita ieri sul sito ufficiale della Formula 1, facciamo nuovamente il punto della situazione alla luce degli ultimi rumors di mercato che investono Honda, Toro Rosso e Renault.

    SEDILI BLINDATI. Sicuri, confermati, rinnovati. Già sistemati per la stagione 2009 sono i sedili di Ferrari, McLaren, BMW Sauber, Red Bull, Toyota, Williams e Force India. Il team di Woking, nonostante qualche prova opaca di Kovalainen ha deciso di dargli ancora fiducia. Stesso discorso per Heidfeld ed i bavaresi. Al Cavallino, invece, si continuano a smentire voci di presunti arrivi anticipati di Alonso al posto di Raikkonen che ha un contratto fino al 2010 così come Felipe Massa. C’è di più, i recenti miglioramenti del finlandese lo rimettono tranquillamente in corsa per il ruolo di pilota di punta nella prossima annata. Sul fronte Williams, infine, Rosberg è dato per sicuro partente. Ma dal 2010.

    RENAULT. Fernando Alonso è l’uomo indiscusso protagonista del mercato piloti. Il suo nome è stato affiancato a tutti i top team, con ovvia eccezione della McLaren, ed a tutte quelle scuderie emergenti, con grandi budget ed immense aspettative. Ad oggi l’unica porta ancora aperta qualora non rinnovasse con la Renault è quella della Honda. Il due volte campione del mondo ha fatto sapere che dirà la sua decisione a stagione finita ma oramai l’esito sembra scontato. Resterà dov’è con grande dispiacere di Nelson Piquet che sente aria di partenza. Al suo posto potrebbe debuttare un altro brasiliano che ha fatto bene in GP2: Lucas di Grassi. Per quest’ultimo l’augurio è che le cose gli vadano meglio del suo connazionale. Se anziché l’anima manageriale di Briatore prevalesse, invece, quella patriottica francese, non ci dovremmo stupire di trovare sulla griglia di partenza del GP d’Australia Romain Grosjean.

    TORO ROSSO. Orfani di Vettel e ancora indecisi sul da farsi con Bourdais, Berger e soci sfogliano la margherita dei nomi. In pole position ci sono Takuma Sato che ha impressionato positivamente nei recenti test svolti e lo svizzero Sebastien Buemi, già terzo pilota Red Bull e probabilissimo nuovo nome del team faentino. Non tramonta neanche il nome di Bruno Senna mentre invece sembrano azzerate le possibilità di vedere in pista Giorgio Pantano.

    HONDA. Dici Honda e riparti da Bruno Senna. La crisi economica ha portato il colosso giapponese a rivedere i propri piani. Per far quadrare i bilanci, dal prossimo anno si vedranno di nuovo gli sponsor sulle vetture e i partner commerciali oltre che tecnici verranno presi maggiormente in considerazione. In questo senso la Petrobras spinge per avere un pilota brasiliano in squadra. Meglio se giovane. Ecco spiegato il perché di tanto interessamento a Bruno Senna che, oltre ad essere della nazionalità giusta, ha un cognome in grado si smuovere interessi ben più ampi. In alternativa si è fatto anche il nome di Piquet ma c’è da credere che a quel punto Ross Brawn preferirebbe riconfermare ancora un Barrichello mai domo, disposto a dimagrire 8 chili pur di entrare ancora dentro alla monoposto nipponica.