Mercato piloti MotoGP 2017 ufficiale: Karel Abraham firma con Aspar

Mercato piloti MotoGP 2017 ufficiale: Karel Abraham firma con Aspar
da in Mercato Piloti MotoGP, MotoGP 2017
Ultimo aggiornamento:
    Mercato piloti MotoGP 2017 ufficiale: Karel Abraham firma con Aspar

    Karel Abraham tornerà nella MotoGP 2017 e sarà un pilota dell’Aspar Racing Ducati. Il 26enne della Repubblica Ceca, dopo una stagione senza grandi soddisfazioni in Superbike, tornerà nella top-class del motomondiale, sarà il compagno di box di Alvaro Bautista e prenderà il posto di Yonny Hernandez. Il colombiano, attualmente ultimo nella classifica piloti con appena 17 punti conquistati in 15 gare, rischia ora di ritrovarsi senza squadra per il prossimo anno. Con la griglia della MotoGP 2017 ufficialmente chiusa, proverà a trovare una collocazione in Superbike, anche se i top-team delle derivate hanno già completato le varie squadre. Per Karel Abraham, dopo che si erano chiuse le porte della MotoGP dodici mesi fa, ci sarà questa nuova ghiotta occasione di ritornare nella top-class. Per lui ci sarà a disposizione una Ducati Desmosedici GP15 (Bautista sarà invece in pista con una Desmosedici GP16 ndr). Dopo il salto tutti i trasferimenti e cambiamenti della MotoGP 2017. La redazione di Derapate sta seguendo LIVE la seconda giornata di Test. CLICCA QUI PER LA DIRETTA!

    Alvaro Bautista

    Karel Abraham è parso molto entusiasta per questa nuova opportunità in MotoGP: “Ringrazio il team per la fiducia e sono contento di aver a disposizione una Ducati che è stata la moto con cui mi sono trovato meglio negli ultimi anni”. Il pilota della Repubblica Ceca, durante il 2016, ha corso nel mondiale SBK a bordo di una BMW con la quale non è riuscito ad essere competitivo. Ora questa nuova opportunità con una Desmosedici GP15. Insieme a lui nel box Aspar ci sarà Alvaro Bautista. Per lo spagnolo, silurato dall’Aprilia per far posto ad Aleix Espargarò, è un ritorno al team col quale ha vinto il titolo mondiale nella classe 125cc. “Sono molto felice, per me è un ritorno a casa – ha spiegato Alvaro Bautista – Il mio obiettivo sarà quello di ripagare la fiducia del team ed essere competitivo in pista”. Per lo spagnolo, classe 1984, ci sarà a disposizione una Desmosedici GP16, ossia quella utilizzata quest’anno da Dovizioso e Iannone.

    Il team Pramac ha confermato la squadra di quest’anno e saranno dunque Danilo Petrucci e Scott Redding a guidare le moto del team italiano nel 2017. La Pramac ha anche rinnovato l’accordo con la Ducati per la fornitura delle MotoGP per altre 5 stagioni. A fine campionato il team, a seconda dei risultati ottenuti nella seconda parte di campionato, deciderà chi tra i due piloti diventerà “factory Ducati” ed avrà disposizione la stessa moto e materiale che sarà messo a disposizione di Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso. Chi perderà avrà a disposizione una Desmosedici in versione 2016. Stesso discorso per Avintia che ha deciso di affidare le proprie due-ruote ai confermati Hector Barberà e a Loris Baz. Il team spagnolo avrà un aggiornamento per quanto riguarda i materiali a disposizione dalla Ducati. Barberà guiderà una Desmosedici GP16, mentre Baz avrà a disposizione una GP15.

    Johann Zarco

    Una delle new entry del campionato sarà Johann Zarco, campione del mondo della Moto2 2015, che durante la Press Conference del GP di Germania, ha ufficializzato di aver firmato un contratto annuale, con opzione per il 2018, con Tech3. “Sono molto felice di essere arrivato in MotoGP con un team importante come Tech3 – ha spiegato il francese – Penso possa nascere una bella collaborazione con loro. Spero di essere competitivo con la Yamaha M1 del team”, sono state le parole del campione di Moto2.

    Espargarò

    Aleix Espargarò sarà un pilota Aprilia nel biennio 2017/2018. Il comunicato della Casa di Noale recita cosi: “L’ingaggio di Espargaró è parte del piano di sviluppo di Aprilia – che punta a una crescita nella competitività, coerentemente coi progressi già mostrati quest’anno – e ribadisce l’impegno del Gruppo Piaggio in un progetto di eccellenza tecnologica e sportiva, volto a fare del marchio Aprilia un protagonista in pista e in strada”. La scuderia italiana dunque cambierà interamente la squadra nel prossimo campionato. Cal Crutchlow sarà invece ancora un pilota della LCR nel 2017. Il pilota britannico ha ufficializzato, durante la press conference di Assen, che sarà l’unico alfiere del team di Cecchinello ed avrà a disposizione la Honda RC213V.

    Rins nuovo pilota Suzuki

    Alex Rins è un nuovo pilota della Suzuki e sarà il compagno di box di Andrea Iannone per il biennio 2017/2018. La casa giapponese ha dunque deciso di fare un doppio cambiamento in vista del prossimo campinato: dopo l’addio di Vinales, che sarà compagno di Valentino Rossi in Yamaha e sarà sostituito da Andrea Iannone, ha deciso di privarsi anche di Aleix Espargarò per far spazio al talentuoso pilota della Moto2. La Suzuki ha dunque puntato su Alex Rins, pilota classe 1995, con l’obiettivo di fargli fare lo stesso percorso fatto da Vinales. Rins sarà dunque un esordiente nella classe regina dopo tre anni di Moto3 (8 vittorie e titolo di vice-campione del mondo nel 2013) e due stagioni di Moto2 (l’anno scorso ha chiuso al secondo posto in classifica generale ndr).

    Pol Espargarò

    Pol Espargarò, durante la press conference di Barcellona, ha ufficializzato il suo passaggio alla KTM Red Bull nel biennio 2017/2018. Lo spagnolo lascia dunque la Tech3 Yamaha e approda nella neonata scuderia austriaca: “Sono felice di diventare un pilota factory – ha confermato Espargarò – Non sarà facile all’inizio, ma ho visto la struttura e la voglia di fare delle persone in KTM. Sono molto contento di ufficializzare il passaggio alla scuderia austriaca”. Pol Espargarò lascia dunque la Tech3 ma sopratutto la Yamaha: lo spagnolo aveva infatti un contratto da “supported factory” con la scuderia del Tre Diapason, ma nei mesi scorsi lo stesso Espargarò aveva esternato tutta la sua delusione per il rapporto non troppo idilliaco con la casa madre. Secondo lo spagnolo, la Yamaha non lo ha mai veramente trattato come un pilota factory e ha dovuto sempre utilizzare lo stesso materiale di Smith.

    Vinales e Iannone

    Maverick Vinales ha firmato con la Yamaha per il prossimo biennio e sarà il compagno di squadra di Valentino Rossi. Per il giovane spagnolo sarà una ghiotta occasione per dimostrare il proprio valore, anche se la sfida professionale non sarà semplice in quanto dovrà sostituire Jorge Lorenzo.

    La Ducati, dopo l’acquisto del campione del mondo in carica e il rinnovo di Dovizioso, ha liberato Andrea Iannone. Il pilota di Vasto ha firmato un contratto con la Suzuki e sarà il sostituto di Vinales. Per “TheManiac” ci sarà una GSX-RR in pieno sviluppo e pronta per lottare per il vertice della classifica. Questo doppio trasferimento, unito ai rinnovi di Rossi, Pedrosa e Marquez rispettivamente con Yamaha e Honda, hanno virtualmente chiuso il mercato per i top team.

    Lorenzo

    Il primo pilota ad essersi assicurato il proprio futuro era stato Valentino Rossi. Il Dottore aveva rinnovato, per altre due stagioni, con la Yamaha. Il contratto era stato proposto anche a Lorenzo ma lo spagnolo aveva deciso di cambiare aria accettando la proposta di 12 milioni di euro annui fatta dalla Ducati. Con il passaggio di “Martillo” alla Rossa di Borgo Panigale si è aperto il “domino” del mercato con tantissimi cambi di casacca in vista della MotoGP 2017.

    Smith

    Il secondo pilota, in ordine cronologico, ad essersi assicurato il futuro è stato Bradley Smith. Il pilota 26enne, attualmente al Tech3 Yamaha, ha accettato l’offerta della KTM e diventerà dunque un pilota ufficiale nel 2017: “Sono molto contento di aver accettato questa proposta. Volevo una nuova sfida e sarà bello entrerà in un team Factory perchè cosi non sarò un semplice pilota ma potrò aiutare nello sviluppo del prototipo secondo le mie esigenze”, furono le sue parole il giorno dell’annuncio. L’inglese, da 4 anni in MotoGP, arriva da un’ottima stagione culminata col 6° posto nel mondiale Piloti 2015, primo tra i piloti ‘clienti’, frutto anche di un 2° posto a Misano. Per la KTM è sicuramente un buon acquisto in vista dell’esordio nella MotoGP 2017. Al suo posto nella scuderia ‘satellite’ della Yamaha ci sarà Jonas Folger. Il tedesco, classe 1994, farà il suo debutto in MotoGP dopo l’esperienza in Moto2. Durante la firma ha commentato: “Sono super entusiasta e non riesco ancora a credere che stia accadendo veramente. Approdare alla MotoGP™ è un sogno che si avvera”.

    TEAM UFFICIALI:

    Yamaha Movistar: VALENTINO ROSSI (2018) – MAVERICK VINALES (2018)
    Honda Repsol: MARC MARQUEZ (2018) – DANI PEDROSA (2018)
    Ducati Corse: JORGE LORENZO (2018) – ANDREA DOVIZIOSO (2018)
    Suzuki Ecstar: ANDREA IANNONE (2018) – ALEX RINS (2018)
    Aprilia Gresini: SAM LOWES (2018) – A.ESPARGARò (2018)
    KTM Red Bull: BRADLEY SMITH (2018) – POL ESPARGARò (2018)

    TEAM SATELLITI:

    Tech3 Yamaha: JOHANN ZARCO (2017, opzione sul 2018) – JONAS FOLGER (2017, opzione sul 2018)
    LCR Honda: CAL CRUTCHLOW (2017)
    Marc VDS Honda: JACK MILLER (2017) – TITO RABAT (2017)
    Pramac Ducati: DANILO PETRUCCI (2017) – SCOTT REDDING (2017)
    Aspar Ducati: ALVARO BAUTISTA (2017) – KAREL ABRAHAM (2017)
    Avintia Ducati: HECTOR BARBERà (2017) – LORIS BAZ (2017)

    Legenda:
    (fine del contratto)

    1903

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mercato Piloti MotoGPMotoGP 2017
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI