Mercato piloti SBK 2014: Melandri e Guintoli in Aprilia, Tripletta MV Agusta: Corti, Cluzel e Leonov [FOTO]

da , il

    Parliamo un po’ di mercato piloti in vista del 2014 in Superbike. Ci sono cose che sanno anche i sassi, e altre che invece sono al limite tra supposizione e rumor. Noi, prima di pubblicare, abbiamo deciso di vedere e studiare la situazione, onde evitare strafalcioni colossali, ma di effettivamente delineato ancora non c’è granché. Facciamo il punto del mercato SBK ad oggi, e teniamo aggiornato questo pezzo con ogni news, ovviamente qui su Derapate.it!

    Dunque, direi di partire dalle squadre. Al 23/10, in Ducati c’è fermento. Ancora non si sa nulla di ufficiale, ma è abbastanza sicuro che il Team Alstare non continuerà con la casa di Borgo Panigale nel 2014. Francis Batta ne ha a sufficienza, e non gli si può dare esageratamente torto, considerando anche che Albesiano, il nuovo direttore di Aprila Racing, ha appena offerto al manager Belga due Aprilia clienti, su cui far correre un Laverty senza casa e forse anche un Badovini, alla ricerca di una sella per il 2014. E’ altamente probabile che Gigi Dall’Igna vada per un team interno in Ducati, con satelliti MR Racing (che eventualmente confermerebbe Max Neukirchner) e forse un altra struttura. Ancora non si sà se Lanzi, dopo le ottime prove effettuate, avrà una sella nel 2014, fatto sta che Ducati non ha gradito vedere la 1098 ripetutamente davanti la 1199. Il Team Interno Ducati dovrebbe essere composto da Chaz Davies e Sylvain Barrier, o forse Xavi Fores. Finché il team Alstare non prende una decisione definitiva sarà difficile definire i programmi.

    Per quanto riguarda Aprilia, il Top Team interno è saldamente ancorato su Guintoli e Melandri, che per il primo test si è trovato estremamente bene con la RSV4. Si sta lavorando per mettere almeno altre due Aprilia in pista, ma non ci sono ancora conferme definitive per i privati, che sono (tutti) tentati di passare alla EVO. I Red Devils non hanno ancora deciso cosa fare, considerando la proposta ad Alstare che potrebbe togliere due clienti dal parco. Aprilia difficilmente garantirà 6 SBK per il 2014, quindi anche qui si attende la decisione di Borgo Panigale e di Batta. Stesso discorso per Althea Racing, che però è intenzionata apertamente a proseguire il lavoro con Aprilia e Davide Giugliano, autore di un gran 2014 da privato.

    Suzuki, Kawasaki e Honda non forniscono spunti di riflessione. Kawa ha confermato Tom Sykes più di un mese fa, e adesso riconferma anche Loris Baz che è tornato sulla Ninja proprio alla fine del Weekend di Jerez, per i test di fine campionato. Stesso discorso per Honda, che ha visto il ritorno di Rea in sella alla CBR SBK insieme a Leon Haslam, entrambe riconfermati da Ten Kate. Idem la Suzuki, che riconferma sia Cluzel, che da Rookie ha fatto una buona stagione, sia Camier, al suo rientro dall’infortunio. Non ci sono news per le Nuove SBK, che sembra saranno rimandate tutte a fine 2014/inizio 2015, in tempo per il passaggio alla categoria EVO.

    BMW ha dichiarato che non sarà presente in forma ufficiale nel 2014, e mi sembra anche giusto. Il campionato dove sviluppare dei prototipi è la MotoGP, non la SBK che dovrebbe essere un campionato riservato a delle moto di produzione modificate. Però la casa di Monaco non è impazzita, e offrirà supporto ad ogni team che vorrà utilizzare una EVO. Sembra probabile che la Feel Racing, se non passasse a Ducati con lo scioglimento del Nodo Alstare, possa prendere in considerazione Barrier, attuale campione Stock 1000, per buttarsi in questo modo nella Categoria EVO e avere un anno di vantaggio quando il campionato andrà in quella direzione, ossia nel 2015. Anche Grillini sta ponderando la stessa cosa, ma diventa difficile convincere i Sponsor della validità del progetto. Anche loro sono quindi in dolce attesa di trovare il Budget necessario.

    EBR2012_3Wallpaper1920

    Se per le case ufficiali abbiamo terminato, andiamo a vedere come sono le chiacchiere per il 2014. Partiamo da qualcosa che in pochi conoscono, la Erik Buell Racing. Tutti conosciamo le Buell, ex marchio “sportivo” della Harley Davidson. Ebbene dopo essere stato soppresso proprio dalla casa Americana, Erik Buell si è aperto la sua fabbrica e con un pugno di operai ha tirato fuori 100 esemplari della 1190 RS, che è stata fatta correre nell’ultima stagione e mezza nel campionato americano SBK. Adesso che è stata svelata la versione stradale (che passa da 40000 dollari a 15000), Erik sembra (da quanto dichiarato ad un salone americano) interessato a far gareggiare la sua creatura nel Mondiale, probabilmente in configurazione EVO e con due piloti, uno dei quali è Geoff May, che ha ottenuto ottimi risultati in questa stagione nonostante il dominio di Suzuki e Yamaha nei campionati americani.

    1343030723163_12_09_SBK_Smrz7572_bmrhnyybmsawwazstmzt1.jpg_2000

    Yamaha è l’indecisione fatta oggetto. O almeno, sono decisi a non rientrare nel mondiale nonostante alcuni piloti hanno dimostrato che anche correndo una tantum la R1 è ancora competitiva per il centro classifica. Magari con un piccolo aiuto da Iwata si otterrebbe anche qualcosa di più, ma in Giappone si fanno orecchie da mercante, soprattutto ora che non si sa se Rossi deciderà di passare nel 2015 in SBK con la nuova R1. Nuova R1 che si fa decisamente attendere, considerando che ancora non si sa nulla…

    3d6d550a 4a00 4da5 95d3 1d1af5566e6d

    Triumph ha visto la decaduta dell’unico team che aveva nel mondiale in classe Supersport. La casa di Hinckley non sembra interessata alle corse nonostante la sua Daytona spazzi via dalle comparative le rivali e non se la cavi affatto male nella Sportbike Americana, ma considerando che anche la SSP l’anno prossimo prenderà una bella ridimensionata nel regolamento mai dire mai. Poi, se tirassero fuori quella SBK che hanno nel cassetto da un sacco di tempo farebbero un piacere a tutti coloro che acquisterebbero volentieri una tricilindrica 1100, visti i risultati che suddetto tre cilindri dà nelle medie cilindrate. Certo, che ci sia dell sviluppo da fare siamo tutti d’accordo, ma se non si inizia mai…

    032 p13 iddon action

    MV Agusta non da notizie di se. Yakhnich sta pressando la casa varesina all’ingresso nel Mondiale SBK con una vera SBK e Giovanni Castiglioni si è detto d’accordo, anche se non capisco perchè. Ha a parer mio poco senso sviluppare una SBK da far correre nemmeno 200 giorni per poi buttare tutte le modifiche e ritornare al modello Stock, ma sembra che la direzione sia quella. E’ possibile che Yakhnich otterrà anche le F3 da far correre in SSP, visto che Parkin Go è allo sbaraglio e a detta dello stesso Team Manager Rovelli nel 2014 non avrà nessun Team. Roberto Rolfo sembra comunque confermato, e si pensa che se ci saranno due F3 la seconda sarà proprio di Iddon.

    2011 ktm rc8r mid ohio superbike wallpaper 1

    KTM dal canto suo fa poco e niente. La possibilità di correre c’è, considerando che il America KTM e EBR (Erik Buell Racing) ottengono all’incirca i stessi risultati. E visto che la EVO sarà più o meno Low Cost, un pensierino potrebbero anche farcelo. Ma al momento sembrano più interessati alla MotoGP, e ci sono già state un paio di occasioni in cui si è sentito nominare Filippo Preziosi. Anche se a me sembra più fantascienza che gossip, chi lo sà? Sarebbe un bel colpo da parte di KTM!

    .

    Al 23/10 questo è quanto, siamo tutti in attesa di qualche notizia fresca, quindi tenete sotto controllo questo pezzo, ci saranno aggiornamenti…

    Aggiornamento 25/10: Divorzio Ducati-Alstare

    Ebbene si ragazzi miei, quella che fino ad oggi era una mera speculazione è diventata un comunicato ufficiale da parte di Alstare Racing Team di Francis Batta. Si chiude il sodalizio tra Ducati e il team Belga che sarebbe dovuto durare anche tutto il 2014, e la motivazione ufficiale è stata il ritiro di uno dei sponsor dalla sponsorship del team. Ducati, nella persona di Ernesto Marinelli, ha comunque assicurato la partecipazione del marchio di Borgo Panigale per il 2014 alla SBK con due piloti che verranno scelti a breve.

    Nel frattempo Suzuki ha preso a muoversi. Sembra che possa esserci un qualche cambio di sella, perchè Paul Denning ha offerto a Laverty una proposta molto interessante. Per quanto la GSXR 1000 SBK non sia proprio la moto top della categoria, Il Team Manager Suzuki ha offerto a Eugene un ultimo anno in SBK con la moto Suzuki per poi passare in MotoGP con la GSVR (o come si chiamerà). Laverty ha dichiarato che prenderà una decisione entro la fine della settimana entrante.

    Aggiornamento 28/10: Giugliano e Davies in Ducati

    E finalmente anche Ducati ha deciso di ufficializzare le squadre. Per quanto riguarda tecnici e meccanici ancora non si sa nulla, ma almeno sappiamo i piloti. Mentre Chaz Davies era stato ingaggiato dalla casa ormai da più di un mese, l’opzione più ventilata per il secondo pilota era Sylvain Barrier, ex BMW Motorrad Stock1000 e campione della categoria. Questo perchè Feel Racing, che dovrebbe essere il Team che prenderà in gestione le Ducati ufficiali, lo aveva già sotto contratto.

    Il colpo di scena arriva qualche ora fa. Fino al 26 Davide Giugliano sembrava legato al team Althea in modo indissolubile, considerando anche l’amicizia profonda che lega Genesio Bevilacqua (Team Manager) con Davidone. E invece, contro ogni aspettativa, sarà lui il secondo pilota sulla 1199 Factory 2014, al ritorno sulle bicilindriche che lo avevano visto campione Stock 1000 a sua volta. Ci lascia perplessi la scelta non tanto per i risultati della Panigale nell’ultimo anno quanto per il trattamento che Ducati aveva (indegnamente) riservato a Giugliano, scartandolo nei confronti di Badovini. Eppure il comunicato ufficiale è stato diramato proprio da Borgo Panigale, quindi non ci sono dubbi, Giugliano vestirà di rosso l’anno prossimo.

    Aggiornamento 1/11: Laverty conquistato da Suzuki

    Grande rivoluzione per la casa di Hamamatsu. Della squadra dell’anno scorso resta poco e niente, Camier è alla ricerca di una sella, probabilmente una Aprilia clienti tipo quelle di Althea o Red Devils (o Alstare, che ancora non da notizie di se), mentre Cluzel si getta in Moto2 con il Team Caterham, insieme al connazionale Zarco. Per Suzuki il grande acquisto è Eugene Laverty, che si è lasciato convincere dalla proposta in sinergia con Brivio per un 2014 da ufficiale in SBK e un 2015 da ufficiale in MotoGP con la nuova GSVR.

    Per il secondo pilota, la seconda sorpresa. Nonostante Cluzel non fosse andato affatto male, è Alex Lowes, il gemello perfetto (nel senso più ampio del termine) di Sam Lowes, a saltare sul cavallo blu. Neo Campione allo Showdown del British SBK 2013 su Samsung Honda, dopo uno scontro molto acceso con Shakey Byrne, Lowes salirà nella classe regina delle Derivate di Serie per far vedere che non è da meno del fratello Sam.

    Considerando tutto, le squadre ufficiali sono complete. Un piccolo riassunto:

    Aprilia: Melandri – Guintoli

    Ducati: Davies – Giugliano

    Honda: Rea -Haslam

    Kawasaki: Sykes – Baz

    Suzuki: Laverty – Lowes

    Yamaha e BMW non danno segni di vita, almeno in vesti ufficiali. Lanzi insieme al Team Mesaroli sta pensando di saltare su una Aprilia e impegnarsi a tempo pieno, dipende da cosa gli altri team decideranno e soprattutto dal budget richiesto. Nessuna news neanche dalle parti di MV-EBR-KTM (che continua a disinteressarsi della SBK). Sono appena terminati i test a Jerez, con come al solito Tom Sykes davanti a tutti, e adesso bisognerà vedere cosa succederà al penultimo test 2013, ad Aragon, fra due settimane. Dopo di questo ci sarà ancora una due giorni, che la Dorna deve ancora stabilire, e poi si salterà direttamente a Phillip Island, a meno di sorprese.

    Aggiornamento 13/11: Fabrizio su Honda EVO, Althea con Canepa e la Panigale EVO

    A quindici giorni dalla chiusura delle Preiscrizioni ci sono delle buone news. Carlo Fiorani ha dichiarato che avrebbe piacere nell’aggiungere una o due CBR in configurazione EVO, ma che non sono in grado di finanziare lo sviluppo, cosi sono alla ricerca di sponsor per questo team, che vedrebbe alla guida Badovini E/O Fabrizio. Sono ancora solo commenti, tutti attendono la pubblicazione del Calendario SBK 2014, che però ha già svelato la perdita di Monza e la riconquista di Misano, nella data probabile del 22 Giugno.

    Il Team Grillini nel frattempo tiene disponibile la sua Kawasaki EVO per un possibile ritorno di Noriyuki Haga, che però è ancora conteso tra WSBK e BSB. In caso che non sia possibile arrivare al giapponese, si è già in trattativa con Fabrizio, che potrebbe passare appunto alla casa di Akashi.

    Resta solo un altra news per ora, ossia che il team Althea sembra in trattativa molto avanzata per prendere una Panigale 1199 EVO e per piazzarci sopra Niccolo Canepa, che nonostante le offerte ricevute dalla MotoGP sembra preferire proprio il Mondiale delle Derivate di Serie. Si attendono conferme, ma sembrerebbe che la situazione si stia delineando rapidamente. A breve ulteriori news

    Aggiornamento 15/11: MV AGUSTA con Yakhnich, Ducati assume Foti e la Feel Racing. Fabrizio in Kawasaki con Grillini

    Giornata di grandi novità quella del 15 novembre. A pochissimo tempo dalla chiusura delle preiscrizioni si cominciano ad avere serie conferme, e il Campionato Mondiale SBK nel 2014 tornerà ad avere sette case a contendere il titolo. Alexander Yakhnich ha finalmente stretto e ufficializzato l’accordo con Giovanni Castiglioni per la fornitura di una SBK e due SSP per il prossimo anno. Nella Supersport i nomi più papabili, dopo il forfait di Lowes, sono Leonov e Cluzel, mentre si discute ancora del pilota per la SBK.

    Definitivo al 90% l’accordo di Michel Fabrizio e il team Grillini, che nel 2014 schiererà una Kawasaki EVO per il pilota romano. Mancano solo alcuni dettagli prima dell’annuncio finale ma salvo colpi di scena Fabrizio vestirà di verde nel 2014.

    Oltre alle news del calendario e dei regolamenti che abbiamo rilasciato oggi, si aggiunge la notizia che Serafino Foti e la sua Feel Racing, con sede a Bologna, saranno in compartecipazione con Ducati per gestire il team ufficiale per le prossime stagioni. La struttura bolognese è la stessa che ha aiutato Ducati a ottenere 14 titoli piloti e 16 titoli costruttori, e viene riconfermata anche a fronte dell’esperienza maturata con il marchio di Borgo Panigale.

    Ultima indiscrezione, sembrerebbe che, visto che il nuovo regolamento SBK avvicini quasi al 100% le moto a quelle del Mondiale Endurance, ci potrebbe essere un serio aumento delle wild card da parte del campionato del mondo più duro mai esistito. Le cose si fanno davvero interessanti…

    Aggiornamento 23/11: Ufficiale Corti in MV SBK, Cluzel e Leonov in SSP sempre con Yakhnich

    A meno di 24 ore dall’annuncio del cambio del title sponsor del team Crescent Suzuki (passato da Fixi a Voltcom Group), arriva la conferma della squadra ufficiale scelta da Alexander Yakhnich insieme a Corsetti. MV Agusta riesce a mettere le mani su Claudio Corti, che era a un passo dalla MotoGP, come unico pilota ufficiale per la SBK 2014. Stessa storia per Niccolo Canepa, che rifiuta un posto da comprimario nella MotoGP per la SBK. Molti lo danno in Ducati con il Team Althea, ma si attendono conferme da entrambe le parti

    Smentita la voce che voleva Cluzel in Caterham, il Francese fa un piccolo passo indietro e ritorna in Supersport, questa volta con l’obbiettivo di diventare Campione del Mondo delle medie cilindrate. Insieme a lui, per la seconda F3 ufficiale, ci sarà Vladimir Leonov, già compagno di squadra di Sam Lowes nel team Yakhnich nel 2013. Il giovane, pedina importante del motorsport russo, cercherà di ottenere il titolo che ha conquistato il suo ex compagno di squadra (in sella nel 2013 alla Yamaha R6), seguito sempre da Corsetti, che lo ha scoperto grazie alla sua Scuola Federale. A breve per aggiornamenti