Mercedes cala due assi: doppio diffusore e W-Duct [VIDEO]

Mercedes F1 2012 con due armi segreti: il W-Duct sull'ala anteriore di cui riportiamo un video che ne spiega chiaramente il funzionamento ed un interessante doppio diffusore al posteriore

da , il

    La Mercedes AMG W03 comincia a scoprirsi nei suoi punti più caldi. Se del W-Duct di cui riportiamo un bel video che ne spiega il funzionamento abbiamo già parlato, oggi la nostra attenzione oggi va rivolta ad una sorta di “doppio diffusore” che fa bella presenza nel retrotreno della monoposto guidata da Michael Schumacher e Nico Rosberg. Trattasi di un canale centrale che, nel rispetto della regola che vieta l’utilizzo dei doppi diffusori, sfrutta la possibilità di tenere in quella zona comunque aperto un buco di 15 cm di larghezza per l’inserimento della leva di avviamento.

    Doppio diffusore Mercedes F1

    Con l’invenzione del doppio diffusore, o double decker, Ross Brawn dominò a sorpresa la stagione 2009 di Formula 1. La mossa delle Mercedes potrebbe essere dello stesso tipo. Stavolta, come detto, funziona sfruttando il buco nell’estrattore realizzato per inserire la leva della messa in moto così come concesso dalla Federazione. Come molti rivali temevano, siamo di fronte ad una furbata tutto sommato facilmente copiabile ma non in tempi rapidissimi, con la quale è possibile generare maggior aderenza al posteriore della vettura e, conseguentemente, ottenere delle gran buone performance.

    F-Duct anteriore o W-Duct

    L’altra arma a disposizione della W03 per compiere un sostanziale salto di qualità nelle prestazioni rispetto al 2011 è il sistema W-Duct. Come mostra il video in alto e come avevamo già raccontato in questo articolo di anteprima sulla nuova Mercedes del 2012, si tratta di una soluzione che consente di convogliare i flussi d’aria attraverso una fessura posta sul muso della vettura e redistribuirli, tramite alcuni canali posti nei piloti di sostegno dell’ala anteriore, in modo ottimale sull’ala stessa a seconda dell’angolo di sterzata. Il sistema è da considerarsi sicuramente legale in quanto funziona in modo passivo, vale a dire senza alcun intervento del pilota o di qualche congegno elettronico.