Mercedes campione del mondo costruttori, la storia: da frecce d’argento al turbo

Mercedes agguanta il primo titolo mondiale Costruttori della sua storia, iniziata in Formula 1 nel 1954 e proseguita nelle vesti di motorista

da , il

    Correvano (e vincevano), ben prima dell’istituzione del mondiale di Formula 1, le Mercedes da corsa. La storia è ricca di aneddoti, nati già negli anni Venti, quando per tre anni si disputò un Campionato Mondiale per Costruttori che, però, non aveva nulla a che fare con il mondiale poi istituito nel 1958, in quella che sarà la moderna F1. Assume così un valore storico il titolo agguantato al termine del Gran premio di Russia, con la doppietta portata a casa da Hamilton e Rosberg.

    Ottant’anni dopo la definizione del termine Frecce d’Argento, i tedeschi riescono ad aggiudicarsi il primo dei due mondiali. Era il 1934 quando le Mercedes si presentarono al via del Gran premio di Germania. All’epoca ciascun team correva con i colori del proprio paese: il rosso per le Alfa Romeo, il verde per le auto inglesi e il bianco per quelle tedesche.

    Costretti a recuperare un sovrappeso di un kg, prima della gara in Mercedes decisero di togliere la vernice dalla monoposto, portando la carrozzeria al nudo alluminio. Vinsero il gran premio e lì nacque la leggenda. In Formula 1 dominarono il mondiale piloti con Fangio per due anni consecutivamente, nel 1954 e 1955, al volante della W196; poi, il drammatico incidente alla 24 ore di Le Mans, quando una Mercedes 300 SLR finì sulle tribune, uccidendo 80 spettatori, portò i vertici della casa della stella a tre punte a interrompere qualsiasi attività sportiva. Il titolo mondiale Costruttori, sarebbe stato istituito tre anni più tardi.

    | LEGGI ANCHE: GLI INCIDENTI PIU’ BRUTTI IN FORMULA 1 |

    La ripresa in Formula 1 avviene solo nel 1994, attraverso la Ilmor di Mario Ilien, che fornirà motori Mercedes alla Sauber, portando anche alla conquista di un punto da parte di Karl Wendlinger. Già nel 1993 il ruolo di Mercedes all’interno della Ilmor era importante, ma solo l’anno successivo decise un impegno quasi in prima persona, affiancato dalla fornitura alla Pacific GP delle unità 1993. Nel 1995 nasce la partnership vincente con McLaren, che durerà fino al 2009, periodo nel quale i tedeschi forniranno in esclusiva i motori prima V10, poi i V8 aspirati. Dal 2010 a oggi è praticamente attualità, con l’impegno diretto in veste di team ufficiale, dopo aver rilevato la Brawn GP, iridata nel 2009. Continua la collaborazione e fornitura di motori con la McLaren, mentre i risultati sportivi in pista sono decisamente deludenti.

    L’ingaggio di Michael Schumacher, accanto a Nico Rosberg, non può nulla davanti a progetti sbagliati e sarà solo grazie all’opera di costruzione portata avanti da Ross Brawn che in Mercedes avranno un organigramma completo e con figure di spicco in ogni area tecnica. Quel Ross Brawn praticamente dimenticato nei festeggiamenti a Sochi. Si dovrà attendere il Gran premio di Cina del 2012 perché arrivi la prima vittoria, ottenuta da Rosberg.

    | LEGGI ANCHE: IL PROCESSO AL GRAN PREMIO DI RUSSIA |

    Al bottino di 343 gran premi corsi, con 99 vittorie e 100 pole position, in veste di motorista, adesso si può aggiungere il primo vero tassello di rilievo nella seconda vita sportiva del marchio di Stoccarda, con il titolo mondiale Costruttori, presto accompagnato dall’alloro piloti: Hamilton o Rosberg? Chi sarà l’erede di Fangio?

    Fabiano Polimeni