Mercedes F1: la FIA dichiara legale l’ala posteriore

da , il

    f duct 2012 f1

    Resta tutto come prima: la FIA ha approvato l’ala posteriore della Mercedes che tanto aveva fatto discutere nei test invernali. Molte scuderie sostenevano l’illegalità di quest’ala, in quanto era dotata di un dispositivo, attivato da alcune feritoie aperte durante l’attivazione del DRS, simile all’F-duct, che permette quindi di neutralizzare l’effetto deportante dell’alettone e di migliorare la velocità di punta della vettura.

    Questo F-duct, inventato dalla McLaren nel 2010, è stato in breve tempo utilizzate da tutte le monoposto di quella stagione. La soluzione fu vietata l’anno successivo perché era azionata da un movimento del pilota, che in alcuni casi doveva persino staccare la mano dal volante mentre viaggiava ad oltre 300 km/h, e poteva naturalmente risultare pericoloso per la loro incolumità.

    Questa volta però è diverso. Charlie Whiting ha spiegato che il sistema della Mercedes è totalmente passivo, non è azionato o comandato da nessuno, e quindi è legale. Non ci sono interazioni con le sospensioni o lo sterzo o altre parti mobili, e al momento non ci sono regole che vietano un meccanismo di questo tipo. Quindi se non è il pilota a comandare l’attivazione del sistema con un qualche movimento del corpo, l’F-duct può benissimo tornare in Formula 1.

    La FIA ha preso questa decisione, ora prepariamoci all’introduzione di soluzioni similari da parte di tutti i team nel corso della stagione.