Mercedes GP: tranquilli, siamo in forma

Nessun problema per la Mercedes GP

da , il

    Va bene, il Gran Premio del Bahrain ha avuto un inizio un po’ meno spettacolare di quanto ci si aspettava. Ferrari e Hamilton a parte, che hanno conquistato il primo podio della stagione anche senza essere autori di una gara particolarmente interessante, gli altri piloti presenti in griglia non hanno di certo brillato. Il campione in carica Jenson Button ha tagliato il traguardo in settima posizione, mentre il sette volte campione del mondo Michael Schumacher ha chiuso al sesto posto. Sulla prestazione di Schumacher si è già parlato molto in questi giorni post Bahrain ma, nonostante le critiche, dalla sua squadra fanno sapere che il re dei record in F1 è in piena forma.

    MERCEDES GP. Nick Fry, CEO di Mercedes GP, ha dichiarato che non c’è alcun motivo per pensare che Schumacher abbia difficoltà ad adattarsi alla nuova generazione presente in F1, più giovane di lui di alcune primavere…e, allo stesso modo, il pilota tedesco è perfettamente in grado di gestire la nuova vettura e le nuove gomme. Il passo non particolarmente competitivo mostrato in gara è da attribuire semplicemente alla Mercedes, che si deve impegnare in modo da permettere ai suoi piloti di cominciare a vincere. Nick Fry spezza dunque la prima lancia in favore di Schumacher e del suo ritorno, sottolineando come la prestazione del pilota della Mercedes GP, costantemente inferiore a quella del compagno di squadra Rosberg, non sia da attribuirsi a un’eventuale mancanza di forma.

    NICK FRY. Fry ha inoltre negato che l’ex campione del mondo di F1 abbia problemi ad adattare il proprio stile di guida ai nuovi pneumatici. “Stando alle impressioni riportate da Michael e Nico (Rosberg) nel primo weekend di gara, non ho percepito alcuna grande differenza” ha dichiarato il boss di Mercedes. “Credo che entrambi i piloti sappiano cosa fare per migliorare la vettura, e su questo punto si trovano d’accordo. Non c’è niente di particolarmente diverso in quanto riscontrato da Schumacher, e sia lui che Rosberg sanno bene quello che devono fare. Questo è incoraggiante”.

    NICO ROSBERG. Nella sfida in casa Mercedes, Fry ha poi riservato una parola speciale per come Rosberg è riuscito a “tenere testa” al compagno di squadra. “Sono rimasto sorpreso fin dall’inizio di come Nico ha reagito positivamente all’arrivo in squadra di Michaelha commentato Fry. “Sembra che la cosa non l’abbia affatto innervosito. Nico ha affrontato la cosa con serenità e, sebbene a volte l’attenzione sia più concentrata su Michael, non sembra per niente turbato. Anzi, ha fatto il suo lavoro dimostrando ancora una volta di essere un pilota veloce e sono sicuro che continuerà a migliorare”.

    ROSS BRAWN. Secondo Fry, il terzetto formato dai due piloti ufficiali e dal team manager Ross Brawn, sarà la carta vincente che permetterà alla Mercedes GP di ridurre rapidamente il gap che la separa dai leader del mondiale. Brawn sa che ci sono molti aspetti sui quali poter lavorare con Nico non solo per migliorare la monoposto, ma anche la sua performance” ha quindi concluso Fry. “Personalmente sono convinto che il team sia molto buono, i piloti lavorano bene insieme e voliamo verso l’Australia consapevoli del lavoro da fare, ma non usciamo scoraggiati da questa prima gara. Il nostro potenziale è ottimo e abbiamo tutte le caratteristiche per emergere in questa stagione. Questa è la cosa che conta”.