Mercedes, Rosberg snobba Schumacher: fu più dura con Webber

Formula 1: Nico Rosberg dichiara che Schumacher non è stato il suo rivale più difficile in carriera

da , il

    Michael Schumacher, Nico Rosberg, Ross Brawn

    Quest’anno che la Mercedes appare con maggiori potenzialità, sembra accendersi una piccola rivalità tra i suoi due piloti. Il giovane Nico Rosberg dichiara che il mito Michael Schumacher non è stato il compagno di squadra più duro che abbia avuto in carriera. Il suo personalissimo riconoscimento va Mark Webber. L’australiano è un tipo tosto, ma la sua storia sportiva nulla ha a che vedere con i sette titoli iridati e i tantissimi record inanellati da Schumacher in oltre venti anni di attività ai massimi livelli.

    Rosberg: Webber più difficile di Schumacher

    Nico Rosberg è un pilota tenuto in grande considerazione all’interno del paddock. Ed a ragion veduta. Nel 2006 debutta giovanissimo con la Williams e riesce a tenere il passo del lanciatissimo Mark Webber. Negli anni seguenti sovrasta due colleghi meno quotati come Alexander Wurz e Kazuki Nakajima ma, soprattutto, quando nel 2010 inizia la sua avventura in Mercedes, riesce a mettere in crisi le granitiche certezze dell’intero popolo della Formula 1 andando più forte del leggendario Michael Schumacher. Mai il sette volte iridato si era trovato nella condizione di chiudere il campionato dietro al proprio compagno di squadra. Rosberg riesce nell’impresa per due volte su due. E, alla vigilia del terzo anno mette da parte la solita cautela e dichiara:“Mark nel 2006 è stato un compagno più difficile di Michael”. Il figlio di Keke rompe gli indugi. Dopo ben sei stagioni passate in sordina, ha capito che è il momento di salire in cattedra:“Vogliamo vincere. Stiamo facendo progressi e questo è positivo”. Il potenziale della Mercedes W03, in tal senso, sta evidentemente giocando un ruolo importante:“Stiamo andando nella giusta direzione. La vettura è migliore rispetto a quella dell’anno precedente. Possiamo fare davvero bene”.

    Brawn: Mercedes non ancora pronta

    Mentre Nico Rosberg si esalta, Ross Brawn getta acqua sul fuoco degli entusiasmi:“Siamo più avanti dello scorso anno e penso che la gente si sia accorta dei progressi. Abbiamo fatto molti chilometri ma non abbastanza. I prossimi test saranno cruciali”. Cruciali anche perché gli ultimi prima dell’inizio della stagione 2012. “Dobbiamo trovare il punto di equilibrio tra performance e degrado degli pneumatici - ha aggiunto Brawn - fino ad ora non abbiamo quasi mai girato con temperature dell’asfalto attendibili”.