Michael Schumacher alla Sauber nel 2010?

Ma chi l'ha detto che Michael Schumacher tornerà in Formula 1 per andare alla Mercedes

da , il

    Ottenuto il 13° posto nella griglia di partenza della stagione 2010 di Formula 1, Peter Sauber guarda alle caselle rimaste ancora vuote nel mosaico del nuovo team. Su tutte spicca la situazione piloti. Per bocca dello stesso manager svizzero, ci sarà un giovane talento ed un uomo d’esperienza. Se sul primo nome ci possiamo sbizzarrire, sul secondo puntiamo facile su Giancarlo Fisichella. A meno che Michael Schumacher non decida davvero di tornare a correre. Prima di regalarlo alla concorrenza, scommettiamo che la Ferrari (che per lui aveva chiesto la terza vettura) preferirebbe girarlo alla Sauber!

    MICHAEL SCHUMACHER. Il punto da chiarire è se il sette volte campione del mondo voglia tornare in Formula 1 oppure no. Se sì, non crediamo che andrà in Mercedes per vincere il titolo mondiale ma solo per divertirsi. Lo stesso divertimento che avrebbe trovato se la Ferrari avesse potuto schierarlo su una terza vettura così come chiesto invano da Montezemolo agli altri team. Lo stesso divertimento che troverà in Sauber. Ed eccoci arrivati al punto caldo del nostro ragionamento: perché mai Schumacher dovrebbe voltare le spalle alla propria famiglia “italiana” per buttarsi nella rischiosa avventura Mercedes e nel complicato confronto con il giovane e talentuoso Nico Rosberg quando può comunque ottenere un sedile alla Sauber? Sauber che, guardacaso, è da considerarsi a tutti gli effetti un team amico della Ferrari e che, partendo dal progetto BMW, dà le stesse garanzie di prestazioni del più povero progetto Brawn GP. Se questa non è un’indiscrezione, mettiamola così, è almeno un consiglio spassionato.

    SAUBER F1. Mancano i piloti alla Sauber, dicevamo. I nomi caldi sono quelli di gente ancora senza sedile. Oltre al già citato Giancarlo Fisichella, prendiamo per buoni Jarno Trulli, Heikki Kovalainen, Nick Heidfeld, Christian Klien e Kamui Kobayashi con quest’ultimo che corrisponde all’identikit del pilota giovane, di talento e con una bella valigia zeppa di sponsor. Sponsor che sono l’altro tassello che resta da sistemare agli uomini di Hinwil. Non è escluso, ha fatto sapere Peter Sauber, che anche da questo punto di vista possa arrivare un aiuto dalla BMW:“Grazie a loro abbiamo una serie di sponsor da contattare, il che potrebbe essere utile per noi”, ha dichiarato l’elvetico alla SID.