Michael Schumacher è stato eletto Presidente della Sicurezza degli Sport Motoristici

Michael Schumacher e' stato eletto presidente del comitato di gestione del fondo di sviluppo per la sicurezza degli sport motoristici

da , il

    incidente rettiberger 93

    Michael Schumacher, Campione indiscusso della Formula 1 e genio Ferrarista, nonostante il suo addio alle Competizioni di alto livello, è sempre rimasto legato con il cordone ombelicale al mondo delle quattro ruote e in generale degli sport motoristici.

    Sport Motoristici che, più di altri, sono indissolubilmente legati al concetto della Sicurezza in Formula 1 con la S maiuscola.

    La Storia della Formula 1, così come della MotoGP, così come tanti altre, sono costellate di tragici eventi che insegnano che tante, troppe morti sono avvenute in pista a causa di scarse misure di sicurezza.

    Lo stesso Schumacher era in vita e in pista quando il guru della Formula 1 di sempre, l’ indimenticabile Ayrton Senna, perse tragicamente la vita in un 3 maggio 1994 di paura e di tragedia.

    Una pericolosità, quella degli sport motoristici, che va controllata ed evitata, per quanto possibile.

    Ora, Michael Schumacher, da sempre attento ai problemi della sicurezza come ci ricordano i nostri informatissimi cugini di Haisentito, e’ stato eletto presidente del comitato di gestione del fondo di sviluppo per la sicurezza degli sport motoristici.

    La notizia è stata annunciata dalla FIA, rammentando che nel fondo pro-sicurezza sono stati investiti 60 mln di dollari provenienti dalla multa imposta alla McLaren-Mercedes nell’ambito della spy story.

    Il Comitato di controllo del Fondo e’ sotto l’amministrazione della Fia Foundation e il suo obiettivo e’ quello di investire il denaro in 5 anni per varie attivita’, tra cui un programma per giovani piloti.

    Michael Schumacher ha ringraziato i suoi elettori (tra cui Max Mosley, Nick Craw ossia il presidente del Comitato automobili da competizione per gli Stati Uniti e rappresentante della associazioni nazionali sportive, Jean Todt e l’assente Norbert Haug l’unico in grado di dissentire all’ elezione di Schumy) e ha dichiarato: “Sono orgoglioso di potere aiutare con questo fondo lo sviluppo della sicurezza in tutto il mondo dello sport motoristico“.