Michael Schumacher, il ritorno in Ferrari

Michael Schumacher torna al volante della Ferrari di Formula 1 nel GP d'Europa a Valencia

da , il

    Michael Schumacher, il sette volte campione del mondo, rimpiazzerà Felipe Massa a partire dal Gran Premio d’Europa a Valencia. Insomma, c’è appena in tempo per prendere dimestichezza con la F60 per poi dare la paga a tutti tra la sua Spa-Francorchamps e la nostra Monza. Che ne dite?

    SCHUMACHER FERRARI. Seguendo le speculazioni dei giorni precedenti, siamo arrivati ad una fantastica verità. Letteralmente incredibile. Il sito della Ferrari, andato letteralmente in tilt per il numero di contatti, si legge il comunicato sognato da milioni di tifosi sparsi in tutto il mondo: Michael Schumacher guiderà la Ferrari al posto dell’infortunato Felipe Massa. Il tedesco, ha dato l’addio alle corse con il GP del Brasile del 2006 salvo poi restare in Ferrari come superconsulente e come tester d’eccezione al fianco di Luca Badoer e Marc Gene’. Solo la drammaticità del momento ed una infinita riconoscenza alla scuderia del Cavallino, l’hanno convinto a rimettersi in gioco.

    MICHAEL SCHUMACHER. Sul suo sito ufficiale, il campione tedesco ha rimarcato che è stato l’intervento di Stefano Domenicali e Luca di Montezemolo a fargli decidere di rientrare. Adesso troverà al suo fianco Kimi Raikkonen. Probabilmente uno dei rivali più tosti della sua carriera. L’obiettivo di Schumacher non è quello di dare la paga a nessuno. Men che meno al finlandese. Cercherà di dare il massimo per concludere la stagione Ferrari al terzo posto nel mondiale costruttori e, perché no, darà delle dritte alla squadra che si sta occupando del progetto 2010. Chi crede che la Ferrari boicotterà l’omino di ghiaccio per favorire il tedesco non è degno di definirsi appassionato di questo sport. E’ solo un provocatore da ignorare. Basti dire che, se c’è qualcuno da tutelare in previsione di brutte figure è proprio Raikkonen: uno Schumi pensionato che va più piano del campione del mondo 2007 è perfettamente normale. I problemi, se così si voglion chiamare, sorgerebbero nell’altro caso. Chiaro il concetto?