Michael Schumacher in Ferrari: quale futuro?

Michael Schumacher e la Ferrari

da , il

    Michael Schumacher torna grande protagonista dell’informazione griffata Formula 1. A causa della sua discussa presenza al muretto Ferrari nei primi due GP della stagione, l’ex-pilota è al centro di un acceso dibattito tra chi vorrebbe dargli maggiori poteri e chi, al contrario, lo crede prossimo all’addio.

    SCHUMACHER LASCIA. Adesso va a finire che tutti gli errori commessi dal muretto box Ferrari sono da attribuire a Michael Schumacher? In realtà il tedesco ha fatto semplicemente il suo, incidendo sulle scelte ma non determinandole. Stando alle parole del suo manager Willi Weber, però, il sette volte iridato, vincente per definizione, non avrebbe alcuna intenzione di essere trattato a pesci in faccia dalla stampa di mezzo mondo e, stufo di questo genere di lavoro, starebbe pensando a non rinnovare il contratto con la Ferrari. Un primo indizio in tale senso sarà la sua presenza o meno in Cina e Bahrain. Per saperne di più, c’è da aspettare l’estate.

    SCHUMACHER RESTA. In completa antitesi con quanto sopra descritto è il pensiero di Niki Lauda. Il campione austriaco si dice stizzito per le critiche ricevute da Schumacher:“Dovrebbe esserci piu’ rispetto per un pilota sette volte campione del mondo - ha dichiarato il tre volte iridato al settimanale Sport Bild dando un consiglio a Stefano Domenicali – se fossi della Ferrari, avrei Michael al muretto e non un po’ di qui e un po’ di la’. Usate la sua esperienza. E’ il migliore!” ha concluso Lauda.

    SCHUMACHER DEL FUTURO. Trovare un pilota che abbini piede pesante, ottime capacità di collaudo, doti di trascinatore, leader e uomo squadra nonché grandissimo attaccamento ai suoi uomini è pressoché impossibile. Lo Schumacher pilota è stato tutto questo per la Ferrari e, non a caso, il binomio italo-tedesco è stato in grado di scrivere la pagina più vincente della storia di questo sport. E’ normale, quindi, che dal suo addio si sia creato un vuoto nel box Ferrari. Un vuoto che Raikkonen e Massa sono riusciti solo parzialmente a colmare. A tal proposito, la Gazzetta dello Sport ha organizzato un sondaggio tra i tifosi che ha dato un esito molto chiaro spiegando come mai accanto al Cavallino vengano associati con successo tanti nomi di piloti di talento: il 42% vuole Alonso! Al secondo posto si piazza Robert Kubica con un 24,6% mentre sono fermi al 16,8% ed all’8,9% rispettivamente Felipe Massa e Kimi Raikkonen. Il dato del finlandese è veramente molto basso e quasi simile al misero 8,2% di preferenze ottenute da Lewis Hamilton.