Michael Schumacher: l’età sarà un vantaggio

La Mercedes GP ha una chiara opinione in merito all'anzianità di Michael Schumacher: sarà un vantaggio anziché uno svantaggio! Il tedesco, infatti, ha una forma fisica perfetta ma, rispetto ai suoi avversari, ha un'esperienza senza pari

da , il

    Per uno come Michael Schumacher, ritirato a 38 anni dimostrando di essere ancora ipercompetitivo (si veda il GP del Brasile del 2006) e pronto a ritornare in pista con 41 primavere sulle spalle grazie ad una preparazione fisica impeccabile, va a finire che la vecchiaia non riserverà alcuna brutta sorpresa. Anzi, i tanti Gran Premi disputati, le 15 stagioni passate costantemente al vertice, le vittoria accumulate, i 7 titoli iridati, rappresentano un bagaglio di esperienze unico che, secondo il boss Mercedes GP, Norbert Haug, mettono l’ex pilota Ferrari nelle migliori condizioni possibili.

    MERCEDES GP. Il nuovo datore di lavoro di Michael Schumacher è convinto di aver fatto un affarone. Per soli 7 milioni all’anno (sufficienti a scatenare le proteste dei dipendenti del gruppo tedesco), hanno in squadra il campione più titolati di tutti i tempi nonché un grande collaudatore e un formidabile uomo immagine. Secondo Norbert Haug, l’età non è un problema:“Non contano solo giovinezza e forza fisica, come in una corsa di 100 metri, ma anche esperienza, intelligenza, fiato e intuito. La Formula 1 - insiste il numero 1 Mercedes - non è una gara di decathlon, ma una gara con mille discipline e Michael ha tutti i fattori che servono per essere vincente”. Secondo Haug, se Barrichello ha lottato per il titolo a 37 anni. Schumacher può farlo a 41. Come dargli torto?

    MICHAEL SCHUMACHER. Nella malaugurata eventualità che il ritorno di Schumacher dovesse rivelarsi un flop, alla Mercedes cadranno in piedi. Innanzitutto c’è una certezza d’avvenire che risponde al nome di Nico Rosberg. In secondo luogo, il fenomeno di Kerpen garantisce un’utilità come uomo immagine che da sola basta a ricoprire costi e appianare i pur bassissimi rischi. E che alla Mercedes siano perfettamente coscienti di aver tra le loro fila un’arma non convenzionale che frutta benefici a 360° lo dimostra il recente annuncio fatto in merito alla presentazione della nuova macchina. Sarà in grande stile, assicurano da Stoccarda, e vedrà Schumacher protagonista. La speranza è che la manovra abbia ricadute positive nelle vendite. A tal proposito, si stima che l’ingresso in Formula 1 come team indipendente inciderà sulla produzione di serie per circa 200-300 Euro ad autovettura. Quando andrete a comprare una Mercedes in concessionario, pensateci!