Michael Schumacher scatena gli entusiasmi

I giovani talenti della Formula 1 come Lewis Hamilton, Nico Rosberg e Sebastian Vettel commentano il ritorno di Michael Schumacher con la Mercedes GP e si lasciano andare a dichiarazioni entusiastiche

da , il

    Michael Schumacher torna in Formula 1 e gli entusiasmi dei piloti si scatenano. Anziché farsela sotto dalla paura di prendere bastonate in pista da uno che ha quasi il doppio dei loro anni, giovanotti come Lewis Hamilton o Sebastian Vettel, nonché lo sfortunatissimo compagno di squadra Nico Rosberg, si lasciano andare a dichiarazioni di grandissima gioia. E, dopo che anche tantissimi ex-piloti hanno detto la loro, si registra solo un nome tra coloro i quali preferiscono starsene zitti: trattasi del Presidente della FIA, nonché amico del tedesco, Jean Todt.

    LEWIS HAMILTON. “E’ grandioso avere di nuovo Michael in Formula 1″, dichiara il pilota McLaren che fa della sicurezza nei propri mezzi uno dei suoi punti di forza. Il campione del mondo 2008 non sta nella pelle nel potersi misurare in pista con il 7 volte campione del mondo:Ero solito vedere le sue corse e ho sempre sperato di arrivare in Formula 1 con lui ancora in pista. E’ una splendida notizia, gli faccio i miei migliori auguri”.

    NICO ROSBERG. Anche Nico Rosberg, quello che ha più da perdere dal confronto diretto con Michael Schumacher, prende molto bene la notizia:“Il ritorno di Michael è fantastico. Competere con uno dei più grandi piloti di tutti i tempi per me sarà una sfida enorme - ammette senza paura – Sono certo che formeremo una coppia molto forte, così come sono convinto che Schumi non abbia perso nemmeno un po’ della sua velocità. Il suo ritorno è una grande notizia anche per il nostro sport e i tifosi”. Riuscisse a tenere il passo del 41enne, Rosberg otterrebbe la consacrazione assoluta tra i top driver del momento. Dovesse prender paga, sarebbe un brutto colpo per la sua carriera da pilota di vertice.

    SEBASTIAN VETTEL. L’unico che appare più moderato nei giudizi è Sebastian Vettel. Tutto avrebbe pensato nella vita, fuorché condividere la pista con quello che in molti gli chiedono di emulare:“Michael è un professionista che sa come prepararsi”, ha detto il pilota Red Bull non entrando nel merito di una vicenda che sente non riguardarlo più di tanto.

    JEAN TODT. Volete sapere cosa ne pensa il Presidente della FIA di questa notizia storica per la Formula 1? Non pensa niente. O meglio, preferisce non esprimeris:“Fa parte della mia famiglia – ricorda il francese – sarebbe inopportuno approfittare dei nostri legami per commentare le sue scelte. Lascio a lui l’incombenza di esprimersi…”, conclude Todt.