Michela Cerruti vince gara-2 in AutoGP a Imola

Michela Cerruti ottiene la prima vittoria in AutoGP

da , il

    Michela Cerruti, AutoGP Imola 2014

    E’ passato un po’ di tempo, sei anni per la precisione, dall’ultima vittoria di una donna al volante di una monoposto. A Danica Patrick succede Michela Cerruti. Altre categorie, altre macchine, ma l’impegno è sempre quello massimo. La Patrick si era affermata a Motegi, in Indycar, per la Cerruti, invece, arriva il successo in AutoGP. Dopo aver concluso gara-1 – vinta da Sato – ai piedi del podio, quarta, per un problema tecnico, la Cerruti ha autorevolmente condotto gara-2, ritardando al massimo la sosta ai box obbligatoria.

    Il muretto ha gestito bene la strategia, sostituendo solo le ruote anteriori, diversamente da tutti gli altri, risparmiando così decimi preziosi che hanno tenuto Michela Cerruti davanti al rientro in pista.

    «Sono piuttosto felice per la gara, avevo la velocità giusta in gara-1 ma poi ci sono stati problemi tecnici e non sono potuta salire sul podio. Mi sono proiettata in gara-2 per fare una buona partenza e trovare strada libera davanti. Non è stato facile tenere dietro Kevin [Giovesi], ma ce l’ho fatta, grazie a un team e una macchina perfetti», dirà in conferenza stampa la giovane pilota lombarda.

    Tornando indietro, oltre la Patrick, per trovare un’altra donna vincente in pista e al volante di una monoposto, si deve risalire al 1974, Inghilterra, Formula Aurora, quando a vincere fu Desiree Wilson.

    Nel campionato AutoGP, grazie al successo ottenuto in gara-1, la leadership passa al giapponese Kimya Sato, davanti a Kevin Giovesi.