Microsoft in Formula 1

Mancava solo lui per completare il circo

da , il

    Microsoft in F1

    Mancava solo lui per completare il circo. Bill Gates!

    La Microsoft fa il suo ingresso in Formula 1.

    E non lo fa con una semplice sponsorizzazione.

    Non si mette solo ad appiccicare qualche adesivo sulle macchine. Macché…

    Fedele al suo stile, Bill entra e prende tutto.

    Ad essersi fatta espropriare il posto – purtroppo – è stata l’italiana Magneti Marelli che fa il suo lavoro dal 1919 e che fornisce attualmente – e per intero – 5 scuderie tra cui Ferrari e Renault (oltre a fornire pezzi e componenti anche ad altri team). Ma Bill se ne frega e vince l’appalto.

    La FIA, infatti, ha affidato proprio al colosso dell’informatica la produzione delle famose centraline elettroniche standard note anche come ECU che inizieranno ad equipaggiare le monoposto dal 2008.

    Cosa vorrà dire ciò? Presto detto…

    Ecco alcune anticipazioni che siamo riusciti ad avere in anteprima intrufolandosi come veri hacker nel sito della microsoft:

    Con poca fantasia, il nome scelto per il dispositivo sarà Windows F1 (solo alla Super Aguri, per i primi tempi, sarà lasciata una vecchia versione di Windows 95 perché sul loro hardware gira meglio)… Ogni pilota appena entrato nell’abitacolo dovrà digitare nome utente e password… Se la macchina ha un problema, basterà premere CTRL+ALT+CANC e guardare cosa succede dal task manager… Attenzione, una doppia pressione causerà il riavvio del sistema!… Quando si arriva ai box, per spegnere il motore si dovrà prima selezionare “Chiudi Sessione” (soprattutto nel caso in cui un motore debba durare per due GP!)… Al posto della pulizia delle candele ci sarà un bello Scandisk, mentre per i pistoni sarà introdotto il solito Defrag. Naturalmente anche un CHKDSK non verrà mai rifiutato, in particolar modo quando si dovrà controllare il carburatore… Per sapere i livelli di olio, benzina, pressione delle gomme, etc, si dovrà andare su gestione risorse… Dato che con il nuovo Win-F1 le vetture saranno affidabili al 100% c’è gia al vaglio un ipotesi di introdurre dei virus che di volta in volta possano attaccare il sistema operativo, salvo fare accordi con dei fornitori di Antivirus e spyware per ridurre al minimo il rischio di ritiro per cause tecniche…

    Ah… dimenticavo. D’ora in poi quando Alonso – tranquillo tranquillo- sarà in testa ad una corsa con 20 secondi di vantaggio, potrà chattare in compagnia, condividere foto con gli amici, mandare e-mail o farsi un altro GP alla X-Box, magari partendo ultimo e provando a rimontare tutti. Che sballo!

    PS.

    Avete avuto anche voi qualche indiscrezione?