Montecarlo dà alla testa!

Schumacher ha provato a distrarre avversari e tifosi, cambiando look

da , il

    Montecarlo dà alla testa!

    Schumacher ha provato a distrarre avversari e tifosi, cambiando look. Ma l’effetto è stato catastrofico: nel paddock tutti hanno cominciato a chiedersi come mai fosse sceso in pista con la tuta sopra alla quale la piccola Gina Maria aveva evidentemente vomitato lungo il viaggio da Kerpen al Principato.

    Non era meglio la solita spazzola della Barbie nel taschino?

    In realtà, ha spiegato lui «E’ soltanto un divertimento, un’idea che mi è venuta questo inverno all’evento di Madonna di Campiglio: un tocco di colore in più!»

    Neanche Dolce & Gabbana sarebbero stati capaci di tale scempio.

    Della McLaren si è già detto. Volante tempestato di diamanti per far piacere ad uno sponsor che VOLUTAMENTE non citiamo (a meno che non ci fornisca anche a noi volante in diamanti McLaren e monoposto MP4-21 ancora surgelata). Nonchè contratto miliardario.

    Raikkonen ha cambiato i colori del casco ma forse ci ripenserà.

    Chi ci ripenserà sicuramente, anzi lo ha già fatto, è Rubinho. Lui ha fatto cambio di casco con Tony Kanaan come alle elementari si faceva cambio di bicicletta, salvo poi ripensarci dopo poche pedalate che era meglio la nostra di quella del nostro amichetto.

    L’amichetto di Rubens però è di là dall’Atlantico, impegnato nella 500 miglia di Indianapolis, e non ha nessuna intenzione di venire a ridare l’elmetto a Barrichello.

    Per cui si preannuncia una corsa sottotono da parte del pilota brasiliano. Così come sottotono sono sempre, chissà perché, le corse di quelli che cambiano i colori di caschi e/o tute in occasione di ricorrenze speciali.