Morte Simoncelli: parla Valentino Rossi

Morte Simoncelli: Valentino Rossi parla su Twitter dell'incidente e della perdita del suo grande amico

da , il

    incidente morte simoncelli valentino rossi

    E’ infinita la lista di personaggi che hanno voluto esprimere un ricordo per Marco Simoncelli. Ieri, in serata, è arrivato il più atteso: Valentino Rossi. Il Dottore lo definisce su Twitter “come un fratello minore”. Rossi non era solo un grande amico del Sic, è il pilota che da oltre dieci anni rappresenta per carisma e successi l’intero Motomondiale. E’ colui il quale si è trovato nel posto sbagliato, al momento sbagliato. A tal proposito, vorrei dire che, nel rispetto di tutti, Rossi, Edwards, Simoncelli, forse non serve sapere con esattezza quale è stata la ruota che ha trasformato un incidente in tragedia in una domenica che, come tante, grazie alle moto, doveva portare gioia e divertimento a tanti. In primis, a chi su quelle moto ci stava sopra.

    VALENTINO ROSSI. “Il Sic per me era come un fratello minore, tanto duro in pista come dolce nella vita. Ancora non posso crederci, mi mancherà un sacco”, ha scritto Valentino Rossi su Twitter. Poche parole ma sufficienti per esprimere concetti ben noti a chi conosce il personaggio. Meno noto, semmai, è cosa frulli adesso in testa a Rossi per il suo futuro. Nell’immediato post-incidente ha circolato su Internet una falsa lettera nella quale il pesarese annunciava il ritiro dalle competizioni. La Ducati ha smentito seccamente. Restano i dubbi su quali siano le sue reali convinzioni. Qualcuno chiede alla Dorna di annullare anche l’ultima gara della stagione prevista a Valencia. Credo sia un grande sbaglio. Per tutti. I piloti hanno bisogno di salire nuovamente in sella e scacciare ogni pensiero negativo dalle loro teste. Dopodiché, qualcuno, persino Valentino Rossi, potrà pensare al suo futuro con lucidità. Potrà decidere che non c’è cosa migliore nella vita che correre in moto. Per sempre. Potrà ragionare sul fatto che altri 3 o 4 anni in sella non cambieranno i suoi record, anzi, potranno solo peggiorarli nel confronto con moto e avversari mai così ostici e attrezzati. Staremo a vedere.