Motegi: Parola al Podio

MotoGP Motegi, interviste dopo la gara giapponese dominata da Ducati e Loris Capirossi

da , il

    Raggianti i tre pilotiitaliani a fine gara, dopo aver espugnato Motegi e aver porato nelle rispettive scuderie punti importantissimi per non smettere di sognare una vittoria che,però, sembra ancora lontana.

    Loris Capirossi :”Oggi siamo stati tutti veramente molto bravi, abbiamo lavorato molto con le gomme, abbiamo dato il 100% e abbiamo dato il massimo, sono contentissimo. Rimpianti non ne ho, io sono molto fortunato perchè faccio quello che mi piace, vivo questi momenti fantastici, vorrei condividere la mia gioia con il gruppo. Sono contento perchè ogni minima occasione che c’è, io la sfrutto tutta. Ora proviamo la 800 e vediamo come va. Credo moltisimo nella squadra e nei ragazzi della Bridgestone, e finchè c’è da sperare io ci sono!

    Marco Melandri:” Ho capito perchè ho avuto dei bassi in questa stagione, oggi ho capito perchè, spero l’anno prossimo di poter scegliere il meglio che c’è a disposizione della fabbrica, io non ho più niente da perdere, è difficile pensare di poter vincere il mondiale ma l’idea di essere fuori dai giochi va benissimo, io vado in Portogallo e a Valencia a divertirmi. Ora alla Honda hanno paura e stimoleranno i piloti al top. Hanno paura di Valentino!

    Valentino Rossi:”Non è la prima volta che recupero cos’ tanto, ce l’ho messa tutta, stamattina aveva provato altre cose, ma oggi pome abbiamo provato le cose normali e la moto andava bene, Capirossi andava velocissimo all’inizio, la mia non tanto, Loris era imprendibile, poi la mia moto si è alleggerita e mi piaceva guidare. Ho fatto il giro record, volevo cùvedere se riuscivo a prendere Capirossi, poi ho visto che lui era più costante e ho dovuto lasciar perdere. Dopo Brno ero fiducioso per queste tre gare, e se in Australia non pioveva io non arrivavo terzo, ma molto di più! Quando siamo a posto il mio potenziale e quello del mio team è molto più alto di tutti gli altri! Ora mi fermo qui, è un test importante, domani ci fermiamo, finalmente poi torniamo a casa così ci riposiamo!

    Nicky Hayden :”Avrei voluto partire meglio, la partenza è stata terribile, pensavo anche di avere un ritmo abbastanza veloce, ma con quei tre davanti non c’era nulla da fare, dopo la prima curva se ne sono andati e basta. Quando parti male e al primo giro ti trovi dietro di 3 o 4 secondi, non c’è proprio più nulla da fare.