Moto Junior. Piccoli Campioni crescono…

Moto Junior

da , il

    Honda Italian Racing Project

    Campioni in erba crescono.

    E’ partito, infatti, il programma “Honda Italian Racing Project”, un mini campionato per mini campioni dai 9 ai 13 anni, con il fine di allevare e coltivare i talenti del prossimo futuro motociclistico. Tutto in casa Honda.

    La casa alata giapponese, da sempre attenta alla formazione dei giovani piloti e allo scouting dei nuovi talenti fin dai loro primi passi, ha creato quindi un altra sfera in cui investire per il futuro.

    A fare da intelaiatura alle curve dipinte da questi giovanissimi centauri, il team Gresini che sul sito ufficiale racconta il progetto e le sue finalità.

    “Nel box del Team Honda Gresini è partito simbolicamente la caccia al campione Honda del futuro. In occasione del GP di San Marino, la gara di casa del Team capitanato da Fausto Gresini, 24 ragazzini del programma “Honda Italian Racing Project” hanno respirato l’atmosfera speciale del campionato mondiale nel quale sognano un giorno di poter approdare. Il Progetto vuole infatti creare una sorta di accademia della velocità in grado di allevare a 360 gradi i futuri talenti del vivaio italiano. La filiazione italiana della Casa giapponese che già si distingue per le numerose iniziative nei trofei promozionali, come il trofeo Honda 125 dal quale è uscito Marco Melandri, Alex de Angelis e tanti altri, quest’anno ha lanciato un programma per permettere a ragazzini di età compresa tra i 9 e i 13 anni, di correre gratuitamente in sella alle Honda NSF100, in un campionato dedicato. I ragazzi presenti a Misano hanno superato le selezioni che si sono svolte su piste diverse del nord e centro sud, tra i selezionati , sugli oltre 100 che si erano presentati, anche Francesco Cecchini, figlio di Fabrizio, il capotecnico di Toni Elias . Per loro non ci sarà solo il confronto in pista, ma una vera scuola di corse, grazie alla collaborazione di esperti di Honda Italia, della Federazione motociclistica e preparatori atletici, dove riceveranno lezioni sulla preparazione fisica alimentare, la gestione e le strategie di corsa e tutti gli elementi che possono servire nella crescita agonistica. Tre le gare già disputate, ne mancano ancora 2, ma il giorno a Misano è stato indimenticabile: ospiti della Honda, i ragazzi hanno assistito alla gara, hanno visitato i box e il paddock e incontrato Satoru Horiike, managing Director di HRC.”

    Da premiare le iniziative di questo genere che fanno bene ai ragazzi e allo sport in generale. Bravi!