Moto2: il fratello di Valentino Rossi sarà un pilota del Forward Racing?

Luca Marini, fratello minore di Valentino Rossi, durante una gara di Moto 3, aiuta un avversario in difficoltà dopo un incidente

da , il

    Luca Marini

    Il fratellastro di Valentino Rossi, Luca Marini, potrebbe presto diventare un pilota del Forward Racing nella Moto2 del 2016. Lo sbarco del giovane pilota nel Motomondiale sembra ormai cosa certa ma non è stato ancora deciso il team col quale correrà. Negli ultimi giorni sono sempre più insistenti le voci e i contatti tra l’entourage di Marini e il team elvetico. Il Forward Racing, sta ancora lottando per la propria sopravvivenza in MotoGP ma sembra invece certa la partecipazione al mondiale di Moto2, con Lorenzo Baldassarri già ufficialmente confermato per la prossima stagione. In questo caso, a lasciare il posto a Marini, sarebbe Simone Corsi. Per Luca Marini, nato a Tavullia nel 1997, sarà una ghiotta occasione di farsi conoscere in pista non solo per l’accostamento all’illustre campione della Yamaha. Il team elvetico, diretto da Curioni, è sempre più interessato a molti dei ragazzi del VR46 Riders Academye per questo motivo sembra che il matrimonio tra il Forward Racing e Marini si farà.

    Marini aiuta un rivale in difficoltà

    Luca Marini, fratello di Valentino Rossi, compie un gesto da campione vero. In Spagna, a Jerez, durante la gara di Moto 3 del CEV, entra in contatto con il pilota Wayne Rayn. Dopo la caduta, Marini avrebbe l’opportunità di ripartire senza grossi problemi ma decide di fare un gesto bello e da campione. Vede l’avversario sdraiato per terra con il piede incastrato sotto alla moto. Decide di aiutare il compagno in difficoltà, anzichè ripartire. Nel video si può vedere il gesto sportivo e intelligente del fratellino del campione di Tavullia. Probabilmente Luca, non diventerà un campione affermato e vincente come Valentino Rossi, ma sicuramente entrerà nella storia per questo gesto carico di umanità, sportività e intelligenza. Se avesse “abbandonato” Rayn in pista e incastrato sotto la moto, il rischio di un incidente con esito peggiore sarebbe stato alto. Complimenti a Luca Marini per aver messo dinnanzi a tutto la sportività.