Moto2: Iannone ed Elias, sfida Motomondiale

Gran Premio di Germania beffardo per Andrea Iannone: l'abruzzese domina prove, qualifiche e metà gara, ma ancora una volta vede volare via la vittoria proprio nel momento in cui sta per afferrarla

da , il

    Domenica al Sachsenring il nostro Andrea Iannone ha sprecato un’altra buona occasione: tutto faceva pensare a una vittoria del pilota abruzzese, sia i risultati del week-end che il vantaggio accumulato nella prima parte della gara… Ma a metà corsa lo spagnolo Toni Elias è stato bravo ad approfittare di un calo del pneumatico posteriore dell’italiano per superarlo e soffiargli il gradino più alto del podio.

    Iannone deve accontentarsi del secondo posto, mentre Elias si conferma leader della classe Moto2.

    Gran Premio di Germania beffardo per Andrea Iannone: l’abruzzese domina prove, qualifiche e metà gara, ma ancora una volta vede volare via la vittoria proprio nel momento in cui sta per afferrarla. Questa volta però non è colpa dei commissari di gara, ma di un Toni Elias che riesce a sfruttare al meglio la sua esperienza: “Sono partito bene e ho mantenuto il comando per gran parte della gara, ma non sono riuscito a vincere,” ha commentato Iannone, “Toni Elias è stato molto veloce: complimenti a lui e alla sua squadra. Non avevo un feeling ottimale con la moto, la trazione posteriore mi ha messo in difficoltà. E Toni è fuggito con un passo che non ho potuto riproporre.”

    Toni Elias si conferma dunque leader della classifica piloti della Moto2; Andrea Iannone è terzo, ma ha 46 punti da recuperare.

    Lo spagnolo del Team Gresini conquista la terza vittoria della stagione: “Sono molto contento per diverse ragioni,” ha spiegato Elias, “La prima è che siamo tornati a vincere divertendomi e senza soffrire. Certo la partenza non è stata delle migliori e sono stato un pò disturbato nella prima curva. Poi però da undicesimo ho iniziato a rimontare fino ad arrivare dietro a Iannone il pilota più in forma del mondiale. In quel momento ho pensato che sarebbe stato tutto molto difficile perché avrei dovuto lottare fino alla fine ed invece è stato tutto estremamente facile ed ho vinto.”