Moto3: il futuro della 125cc

La Moto3 inizia a prendere forma: la Grand Prix Commission riunitasi a Madrid ha infatti definito alcuni importanti parametri per la prossima "entry class" del Motomondiale che dal 2012 prenderà il posto della 125cc

da , il

    Honda nrs 250 Moto3

    La Moto3 inizia a prendere forma: la Grand Prix Commission riunitasi a Madrid ha infatti definito alcuni importanti parametri per la prossima “entry class” del Motomondiale.

    La Moto3 – che dal 2012 prenderà il posto della classe 125 – utilizzerà motori monocilindrici 250cc 4 tempi con alesaggio massimo di 81mm. Centralina elettronica (ECU), carburante e gomme saranno uguali per tutti, con l’obiettivo di contenere i costi replicando se possibile il successo della Moto2.

    La Moto3 permetterà la scelta libera della ciclistica e del propulsore, con la definitiva messa in soffitta dei motori due tempi, poiché le moto che vi parteciperanno monteranno da regolamento un motore 250cc monocilindrico quattro tempi con alesaggio massimo di 81 mm. In più i nuovi motori dovranno sottostare a tutta una serie di parametri vincolanti (distribuzione a catena, accensione singola, regima massimo di 14.000 giri al minuto), durare almeno 3 gare e costare non più di 10.000 euro.

    Elettronica e pneumatici uguali per tutti, invece, e le aziende interessate al business che avranno tempo fino al 28 febbraio 2011 per presentare la propria candidatura, con la decisione finale attesa per il 19 marzo.

    La Honda ha già progettato una Moto3, la Honda NRS 250, e i test della nuova moto si stanno già svolgendo in Giappone con alcuni giovani piloti del vivaio HRC.

    Le nuove Moto3, dicevamo, entreranno ufficialmente a far parte del Motomondiale a partire dal 2012, quando sostituirà l’ottavo di litro, ma già l’anno prossimo potranno correre nei campionati nazionali di Italia, Giappone, Germania e probabilmente anche Spagna.