MotoGP 2009 – I piloti promuovono le Bridgestone

Nel primo anno del monogomma dopo un periodo dominato dal duello tra Michelin e Bridgestone, i piloti della MotoGP 2009 promuovono gli pneumatici Bridgestone a pieni voti

da , il

    Con la stagione MotoGP 2009 si aprono nuovi scenari grazie alla monogomma.

    Liquidata la Michelin senza troppi convenevoli, il Campionato che sta per iniziare sarà sotto l’ì unica egida Bridgestone.

    Ma, che cosa pensano i piloti del nuovo fornitore unico?

    Era stato Valentino Rossi, per primo, a staccarsi dalla casa di Bibendum per provare in anteprima le gomme più prestazionali in dotazione alla Ducati, ossia le Bridgestone. Adesso, a conti fatti, sono in tanti a cantare le lodi del nuovo fornitore di pneumatici.

    Oltre a Valentino Rossi, il cui giudizio relativamente alle Bridgestone si è concretizzato già lo scorso anno, ecco il pare di Loris Capirossi che, soddisfatto, dichiara: “Ora è più semplice rispetto al passato, con tutti i piloti che possono scegliere solo tra gomme morbide o dure. Anche con le morbide si può correre in gara perché non sono assolutamente paragonabili alle vecchie gomme da qualifica. Lo scorso anno si poteva vedere qualche pilota fare una gran sessione e partire davanti, quest’anno sarà più difficile.

    Dello stesso parere anche il pilota americano Colin Edwards che si è detto soddisfatto: “Credo che la monogomma sia una buona soluzione, ora siamo tutti sulla stessa barca. – ha detto, e ha poi aggiunto – Invece di cercare gomme che si adattino alla moto, ora è necessario adattare la moto alle gomme“.

    Infine, Jorge Lorenzo. Lo spagnolo che lo scorso anno ha vestito Michelin, quest’ anno monterà Bridgestone come tutti gli altri piloti. Un pò di smarrimento, anche se il giudizio complessivo è positivo: “Si può dire che ero uno specialista nelle sessioni di qualifica e ora questa sessione non c’è più. – ha infatti confessato il pilota maiorchino – Sono un pilota che preferisce le componenti dure nelle gomme, e spesso fatico con le morbide. Sarà dura, ma penso alla gara, e abbiamo un buon ritmo“.