Motogp 2010: con Spies tre americani in pista

NEl prossimo campionato 2010 di Motogp saranno tre i piloti americani a contendersi la posizione migliore in classifica: abbiamo Colin Edwards, su Yamaha, che dovra' dividere i box con Ben Spies, e Nicky Hayden su Ducati

da , il

    Con l’arrivo di Ben Spies in sella alla Yamaha M1 previsto per la prossima stagione, diventano tre i piloti a stelle e strisce in griglia. La scuola americana torna in auge nella massima categoria che vedra’ in pista appunto la promessa Ben Spies, il sempreverde Colin Edwards e l’ex campione mondiale Nicky Hayden.

    Proprio il pilota Ducati ha espresso la sua felicita’ riguardo l’arrivo del suo connazionale nella Motogp, anche se dubita che possa dominare gia’ da subito tra le 800cc, come sta facendo con le derivate di serie: “non credo che possa arrivare e dominare, e’ un livello diverso” – ha dichiarato Kentucky Kid, ed ha aggiunto – “ho un grande rispetto per la Superbike, e ho corso con un sacco di questi piloti, ma c’è una differenza qui. [Neil] Hodgson, [Ruben] Xaus e molti altri ragazzi hanno faticato… credo che sia più facile passare da una Superbike ad una 990cc rispetto alle 800cc. E’ un grande passo. Ho corso nel Campionato Mondiale Superbike come wildcard e mi sentivo abbastanza bene, ed ho potuto notare il livello. Penso comunque che sia bene che Spies arrivi in MotoGP. La MotoGP mantiene il suo status di classe regina. Ha bisogno di essere qui. Sarà emozionante vedere cosa farà. So che vuole essere un campione del mondo Superbike AMA e World Superbike, così il suo curriculum sarà “cool”, ma se vuole la MotoGP, penso che deve venire adesso.”

    Quindi avremo due americani in sella alla Yamaha M1 e uno su un bolide tutto tricolore. Fare un pronostico su chi fara’ meglio e’ molto difficile, soprattutto prima di aver visto le prestazioni delle Motogp versione 2010. A naso potrebbe essere proprio il debuttante a ottenere i migliori risultati, sempre che riesca molto velocemente ad adattarsi ad una categoria molto diversa dove lo spettacolo magari e’ minore ma il livello e’ probabilmente piu’ alto.