MotoGP 2011, Dovizioso dice la sua sull’elettronica: “Eliminarla per avere più spettacolo”

da , il

    dovi motogp elettronica

    Andrea Dovizioso in questo momento è impegnato con l’ottava prova della MotoGP sul circuito del Mugello e trova anche un momento per parlare delle regole dell’attuale classe regina, che danno vita a gare con pochi sorpassi con piloti come Casey Stoner e Ben Spies che hanno salutato vinto le ultime due tappe del Mondiale con un distacco importante. Secondo il Dovi, il problema starebbe nell’elettronica che andrebbe ridotta del 50%. Dello stesso parere sono altri piloti, tra cui Valentino Rossi e lo stesso australiano della HRC.

    Il pilota della Honda, Dovizioso dà il suo parere sulla spettacolarità ridotta delle ultime gare della MotoGP, che comunque lo vede terzo in campionato grazie alla conquista di due podi consecutivi.

    Andrea sviluppa il suo ragionamento sull’elettronica che da una parte contribuisce alla sicurezza dei piloti, ma allo stesso tempo limita lo spettacolo in pista.

    L’invadenza dell’elettronica sarà più tangibile nel 2012, quando le regole cambieranno ancora e a questo proposito il Dovi non ha ancora provato la Honda 1000cc poichè non ha ancora rinnovato il contratto: “l’elettronica è una cosa molto importante per la sicurezza, quando si è in strada e da questo punto di vista è positiva, ma per divertirsi in pista e avere gare combattute è necessario tagliare l’elettronica. Bisognerebbe toglierla, ma non del tutto, ma più del 50%, perché la moto senza il sistema elettronico è meno controllabile e quando è necessario controllare una moto difficile si derapa di più, si fanno più errori di adesso e si è tutti più vicini. Tutto sarebbe più bello, quindi mi piacerebbe che questo accada, ma sono sicuro al 99% che non accadrà”.