MotoGP 2011: la nuova sfida dei Fantastici 4

MOTOGP - Il Wrooom 2011 ha riacceso i riflettori sulla MotoGP, finora in fase letargica a causa della sosta invernale

da , il

    MotoGP 2011

    MOTOGP – Il Wrooom 2011 ha riacceso i riflettori sulla MotoGP, finora in fase letargica a causa della sosta invernale. L’evento di Madonna di Campiglio ha saputo però destare l’interesse degli appassionati nonostante l’assenza di gare.

    La presentazione ufficiale della Ducati Desmosedici GP11 e di Valentino Rossi in tuta rossa hanno catalizzato l’attenzione di tutti e riproposto la “grande domanda”: il Dottore riuscirà ad essere subito competitivo in Ducati quando si ritroverà in pista contro i suoi diretti avversari per il titolo MotoGP 2011?

    FANTASTICI QUATTRO – In attesa del ritorno delle moto mille, Yamaha, Honda e Ducati preparano l’attacco all’ultimo titolo della MotoGP classe 800.
 Il campionato 2011 sarà combattuto molto probabilmente dagli stessi quattro piloti che si sono avvicendati in testa alla classe regina del Motomondiale negli ultimi anni.

    Jorge Lorenzo – fresco campione del mondo MotoGP – vorrebbe continuare a vincere con la Yamaha per cancellare definitivamente il fantasma di Valentino Rossi e far capire al mondo che ora è davvero lui il nuovo numero uno sulle due ruote.

    Ma tra Lorenzo e la leggenda non ci saranno solo Rossi e la Ducati: probabilmente il principale avversario sarà Casey Stoner, ora in sella alla Honda RC212V ufficiale, moto con la quale ha dimostrato subito di avere un feeling incredibile.

    Il quarto nome è naturalmente quello di Dani Pedrosa, che con la sua Honda nel 2010 (prima di infortunarsi) è stato l’unico a contendere il titolo a Lorenzo.

    BEN SPIES E GLI ALTRI – Quinto incomodo, lo statunitense Ben Spies. Campione del mondo Superbike 2009, nel 2010 Texas Terror ha dimostrato di essere un gran manico anche in MotoGP (è stato “Rookie dell’anno”) e nessuno può prevedere cosa sarà in grado di fare in sella a una Yamaha M1 ufficiale.

    Grandi aspetative anche per Andrea Dovizioso, terzo componente del team ufficiale HRC, e Marco Simoncelli, “premiato” con una moto ufficiale pur restando nel team satellite San Carlo Honda Gresini.