MotoGP 2011: Lorenzo riparte dal numero 1

Jorge Lorenzo sa che sarà difficile ripetersi, ma il pilota maiorchino punterà al titolo MotoGP anche nel 2011, soprattutto per zittire tutti coloro che cercano di sminuire la sua vittoria iridata di quest'anno sostenendo che sia arrivata solo grazie al lungo stop di Valentino Rossi

da , il

    MotoGP 2011 Lorenzo

    Jorge Lorenzo sa che sarà difficile ripetersi, ma il pilota maiorchino punterà al titolo MotoGP anche nel 2011, soprattutto per zittire tutti coloro che cercano di sminuire la sua vittoria iridata di quest’anno sostenendo che sia arrivata solo grazie al lungo stop di Valentino Rossi.

    Lorenzo si ritrova così a dover ripartire dal “numero 1″ sulla sua Yamaha, consapevole di dover dimostrare di essere un campione nonostante il titolo vinto nel 2010: una situazione non facile che sembra però aver caricato di agonismo il centauro spagnolo.

    Agonismo che ha trovato sfogo negli “attacchi” a Valentino Rossi portati avanti nei giorni scorsi, dichiarazioni e battute dove si mette in discussione la possibilità di Rossi e della Ducati di poter competere con Yamaha e Honda, anche se ha poi fatto una (parziale) marcia indietro: “La Honda è più avanti della Ducati, ma lo direbbe chiunque dopo i test di Valencia. L’esperienza però consiglia di aspettare la prima gara in Qatar. La Rossa ha un grande potenziale e lo ha dimostrato proprio con Stoner in questi anni.”

    Il maiorchino ha anche provato a individuare i difetti dei suoi rivali: “Pedrosa manca nel corpo a corpo, mentre Rossi beh, è difficile trovargli dei difetti. A ben guardare il suo limite è l’età,” ha dichiarato Lorenzo, “E’ sulla cresta dell’onda da tanti anni e non deve essere facile restarci così a lungo. Certo Valentino è motivatissimo in questo momento. Stoner secondo me ha più talento di tutti. E’ impressionante come guida ma non è regolare, cade troppo. Ma quando è sereno e concentrato è dura batterlo. Un pronostico? Allo stato attuale direi Casey Stoner su-Honda.”