MotoGP 2011: Pedrosa contro la regola del limite di peso

Pedrosa critica la possibilità annuncia dall Fim di imporre una norma che indichi il peso minimo complessivo di pilota e moto

da , il

    pedrosa limiti peso

    Dani Pedrosa si schiera contro l’ipotesi della Federazione di introdurre una regola che stabilisca il peso minimo consentito tra moto e pilota nel campionato mondiale della MotoGP. Se la norma dovesse passare, il centauro spagnolo del Team Repsol Honda sarà penalizzato per via del suo fisico minuto e perciò non perde occasione di criticare l’iniziativa sollevata da coleghi come Valentino Rossi e Marco Simoncelli che vorrebbero la regola approvata per evitare vantaggi a riders piccoli e leggeri come il numero 26 della HRC.

    Con l’operazione alla spalla perfettamente riuscita, Pedrosa ha il tempo e la voglia di criticare la possibilità annuncia dalla Fim di imporre una norma che indichi il peso minimo che pilota e moto debbano raggiungere complessivamente. Il rider iberico della Honda ufficiale confida che il suo peso è un problema che lo perseguita dall’inizio della sua carriera e in più di un’occasione è stato causa di incidenti e cadute.

    Mentre è in corso la sua riabilitazione, Dani afferma che sembra che ad alcune persone dia fastidio che sia lì davanti: “è incredibile, ho dovuto continuare a lavorare senza dire nulla perché naturalmente in rettilineo ho un vantaggio con l’accelerazione ed è chiaro. Ma l’altro lato che la gente dimentica è nelle curve ho un grip minore e non riesco a frenare allo stesso modo degli altri a causa del mio minor peso. Ho le braccia e le gambe più corte di loro e non posso distribuire il mio peso, come fanno i piloti più grandi. Se fossi stato più alto avrei potuto usare di più il mio corpo e mettere peso sulla parte anteriore e posteriore, invece al momento posso solo portare il peso della moto nella parte anteriore, centrale o posteriore separatamente e non contemporaneamente come fanno gli altri”.

    Ma altri piloti non la pensano così ed è il caso di Rossi e Simoncelli. I due italiani sostengono che con le attuali moto e soprattutto con i serbatoi da 21 litri chi è più piccolo è più avvantaggiato in materia di consumi. Super Sic, con i suoi 72 Kg pesa 21 Kg in più di Pedrosa e secondo i meccanici del Team Gresini Honda questo porta ad un maggior consumo di carburante e quindi costringe il pilota ad utilizzare meno potenza per non rimanere a piedi.