MotoGP 2011: Simoncelli torna sulla caduta di Jerez

Simoncelli torna sulla gara di Jerez che lo ha visto protagonista nella prima fase della gara, fino al momento nel quale la sua Honda lo ha sbalzato in aria

da , il

    Simoncelli commenta jerez

    Il pilota della Honda clienti, Marco Simoncelli ha sfiorato la vittoria a Jerez, ma una caduta mentre era in testa alla corsa ha rovinato tutti i suoi piani, riportandolo con i piedi per terra. Ma il Sic torna sull’accaduto svelando un curioso siparietto, con i commissari di gara che l’hanno aiutato a risollevare la moto dopo la scivolata ma poi non l’hanno spinto, cosa che hanno fatto per altri piloti come Valentino Rossi. Il campione mondiale della classe 250cc del 2009 non risparmia aspre critiche alla direzione gara: “è un atteggiamento poco professionale, capisco che un pilota come Valentino sia più famoso di me ma se aiuti lui a ripartire devi farlo con tutti. I commissari erano dietro di me, poi quando mi aspettavo la loro spinta erano spariti”.

    Sic era considerato uno dei possibili outsiders per la vittoria del GP di Spagna 2011, oltre a Jorge Lorenzo e se non fosse stato per l’eccessivo consumo delle sue gomme, avrebbe magari potuto lottare fino in fondo per la prima affermazione in carriera nella MotoGP.

    Per colpa di una scivolata sul bagnato ha perso punti importanti e nell’immediato dopo gara, Simoncelli era davvero dispiaciuto per l’esito di Jerez: “le condizioni erano difficili, le gomme da bagnato dopo 5 giri erano distrutte, troppo morbide per l’asfalto. Non mi sembrava di stare spingendo più di tanto. Ho perso un attimo il davanti ma poi è andata male”.

    Super Sic ha detto la sua anche sul dibattito fra Rossi e Casey Stoner: “non ho sentito le parole che si sono detti. L’errore è stato di Valentino, non so se voleva passarlo o no. Si è buttato dentro, è caduto e l’ha buttato giù. Un errore che nelle gare ci può stare. Stoner era arrabbiato perchè quando cadi non per colpa tua ti dispiace di più. A me è successo e alla fine sono le gare sono anche così”.