MotoGP 2011, Stoner: “Honda mi sorprende ogni giorno di più”

Stoner racconta le proprie impressioni sulla sua nuova Honda e sulla stagione di MotoGP 2011 che lo attende

da , il

    Stoner si gode la honda

    Ap/LaPresse

    Il nuovo e motivato pilota della Honda ufficiale, Casey Stoner è molto soddisfatto dei progressi avuti e del lavoro svolto nella tre giorni dei test di Sepang, validi per la MotoGP 2011, l’ultimo mondiale prima del nuovo cambio delle regole e dei motori. L’australiano numero 27 è alla sua seconda uscita con la Honda RC212V del Team Repsol ed ha spiegato che la moto lo sorprende giro dopo giro. L’ex campione della Ducatiè uno dei favoriti alla corsa al titolo del 2011, ma dovrà vedersela anche con Jorge Lorenzo e Valentino Rossi.

    Dopo aver dominato i test di Sepang, Stoner racconta le proprie impressioni sulla sua nuova Honda e sulla stagione di MotoGP 2011 che lo attende.

    Le prove tra le curve della Malesia hanno evidenziato uno schiacciante dominio della HRC rispetto ai concorrenti e l’australiano non può che ritenersi contento del lavoro svolto dalla squadra: “in generale siamo riusciti a fare alcuni buoni passi avanti. Abbiamo provato molte cose, alternando tra i due telai, uno più rigido e l’altro più flessibile. Abbiamo cercato di scoprire quale da le migliori sensazioni. Non abbiamo fatto ancora grandi cambiamenti sul set-up e questo è davvero positivo”.

    Per Casey, la terza giornata di Sepang è stata la migliore sotto l’aspetto meccanico e tecnico, ma non se la sente di stilare paragoni con la sua vecchia moto, la Ducati: “le due moto richiedono di impostare traiettorie totalmente diverse. La Honda mi sorprende giro dopo giro. Quando entro in una curva troppo largo stringendo mi trovo all’interno della linea bianca; è una grande differenza e un qualcosa a cui mi devo ancora abituare e soprattutto capire il migliore punto per l’entrata in curva. E’ molto diverso da quello cui ero abituato. Ci stiamo avvicinando passo dopo passo, oggi abbiamo fatto un buon passo in avanti e ho cominciato a sentirmi più a mio agio”.