MotoGP 2012, Bridgestone: obbiettivi raggiunti con i test pre-stagione

La Bridgestone fa un bilancio dei test pre season della MotoGP 2012, insieme agli obbiettivi raggiunti sulle prestazioni

da , il

    bridgestone 2012 motogp

    Con l’ultimo step di test pre season della MotoGP 2012, andato in scena sul circuito internazionale di Jerez de la Frontera, dove a farla da padrone è stato il super Campione del Mondo di categoria, Casey Stoner, si sono chiuse anche le prove di rendimento della Bridgestone. Secondo i soliti ben iformati, grazie ai dati raccolti nel secondo test di Sepang, Bridgestone ha sviluppato una nuova specifica per la gomma anteriore che ha debuttato proprio in occasione della tre giorni di prove in Spagna. I dati raccolti verranno ora analizzati dal Centro Tecnico in Giappone, e si andranno ad aggiungere all’attuale programma di sviluppo per il Motomondiale.

    Dopo aver espresso piena soddisfazione per la buona riuscita delle mescole presentate nei test di Sepang, gli stati generali della Bridgestone sono intenti a raccogliere i feedback sull’ultimo test, svolto a Jerez, prima dell’inizio ufficiale del campionato tra le curve del tracciato di Losail, il prossimo 8 aprile.

    Shinji Aoki, manager della Bridgestone Motorsport, non nasconde il suo benestare sul lavoro dei tecnici, che dopo i molti incidenti della MotoGP 2011, a gomme fredde, sarebbero riusciti a migliorare la tenuta delle gomme nelle prime tornate della moto: “Sono soddisfatto di come si è chiusa la nostra fase di sviluppo prestagionale, e lasciamo la Spagna dopo aver centrato tutti gli obiettivi tecnici prefissati. Nel test di Sepang siamo riusciti a migliorare le performance del warm up, esaudendo le richieste dei piloti ed aumentando l’intervallo di operatività delle gomme in condizioni di caldo estremo. A Jerez abbiamo cercato di ottenere gli stessi risultati ma con temperature opposte. In questo senso, i feedback dei piloti sono stati eccellenti, con grosse soddisfazioni per le prestazioni offerte dalle gomme con temperature basse, quindi ci prepariamo alla prossima stagione con ottimismo”.