MotoGp 2012, Doohan sul ritiro di Stoner: “spero ci ripensi”

da , il

    doohan_stoner_ambience1

    Tra i numerosi vip ieri presenti al Principato di Monaco per assistere al Gran Premio di Monaco della Formula 1, c’era anche Mick Doohan che è stato ovviamente intervistato riguardo alla news del ritiro del connazionale Casey Stoner a fine stagione, il cinque volte campione del mondo della 500 si è detto molto sorpreso di questa decisione di Casey, come tutti d’altra parte, e ha aggiunto che spera ancora in un suo ripensamento a riguardo.

    Ecco ora le parole di Doohan: “Per me è stato uno shock, questo è certo. In parte posso capire la sua scelta, capisco che voglia allontanare tutti i rumors, ma spero per lui e per tutto il motomondiale che possa ritrovare la gioia di guidare. La fine della stagione è ancora lontana e quindi c’è ancora la possibilità che Casey cambi idea prima della fine dell’anno. So per certo che la Honda era molto determinata a tentare in tutti i modi di convincerlo a restare, visto che l’ultima cosa che vogliono è perderlo ora che è in una tale condizione di forma; provare a convincerlo a cambiare idea alla fine non costa di più che cercare un nuovo pilota“.

    C’è da sottilineare che Doohan non ha però risparmiato alcune critiche a Stoner riguardo alle motivazioni che il numero 27 della Honda ha portato come giustificazioni per la sua decisione, ha infatti sottolineato come gli impegni commerciali siano parte integrante del mestiere di un top rider: “Questo aspetto è essenziale per essere nella posizione di guidare una moto competitiva e per poter quindi lottare per la vittoria dei campionati del mondo“.

    Carmelo Ezpeleta: “Non c’è niente di tragico nel suo ritiro”

    Anche il numero uno della Dorna, Carmelo Ezpeleta, si è espresso riguardo l’annuncio del ritiro del due volte campione del mondo Casey Stoner e l’ha fatto durante un intervista concessa al programma radiofonico spagnolo Radioestadio del Motor dicendo che la decisione di Casey non l’ha stupito e che non la vede come un evento così tragico per la MotoGP: “Stoner non mi ha ancora comunicato personalmente il suo ritiro, ma il suo addio non è stato una sorpresa per me. Nonostante le sue dichiarazioni riguardo all’attuale formula della MotoGP, ha ancora il pieno supporto da parte delle Dorna dato che è nostro dovere“.

    Ezpeleta ha quindi ammesso che Stoner, come pilota, è tra i migliori che abbia mai visto, ma ha respinto al mittente le accuse mosse da Casey alla Dorna, con cui il pilota etichettava la Dorna come cattiva organizzatrice del Motomondiale, infine ha aggiunto: “Non c’è niente di tragico nel suo ritiro, le vere tragedie sono altre: quelle di Tomizawa e Simoncelli“.

    L’argomento dell’intervista si è poi spostato su Valentino Rossi e sul suo possibile ritorno in Honda, Ezpeleta non ha voluto sbilanciarsi troppo a riguardo come si può notare dalle parole utilizzate per rispondere: “Non dico né sì né no, ma non posso nemmeno dire che si tratti di qualcosa di impossibile” ha poi affermato: “Il Dottore è stato certamente un pilota molto importante per un lungo periodo grazie al suo carisma e al suo modo di intendere la moto, il mio pensiero su di lui non è cambiato in questi anni durante i quali Valentino ha, per me, avuto un unico problema non trovando mai il giusto affiatamento con la sua moto. Se avesse una moto più competitiva sarebbe di certo lì davanti con gli altri top-riders”.